La cucina tradizionale è più buona sui monti: “Gusta e vai” fa il pienone
Più di 600 persone ha partecipato ieri alla manifestazione “Gusta e vai”

La cucina tradizionale è più buona sui monti: “Gusta e vai” fa il pienone

Sono stati 620 ieri a sfidare freddo e maltempo Molti i partecipanti che sono arrivati da fuori provincia «Siamo gratificati da una partecipazione così massiccia»

Rifocillarsi per acquistare le forze per fare sport dopo, oppure fare moto per smaltire le calorie assunte? Bel dilemma, ieri a Teglio, per 620 partecipanti alla manifestazione “Gusta e vai” organizzata nella località montana di Prato Valentino per il settimo anno da consorzio turistico Terziere Superiore, Cai Teglio, Skipazzi e Amis de san Giuan. Il programma dell’iniziativa era decisamente allettante: otto tappe da percorrere a piedi da La Piana fino ad Agneda, accompagnate ciascuna dalla degustazione prelibatezze esclusivamente valtellinesi.

«Siamo felicissimi – commenta Paolo Battaglia degli Skipazzi -. La partecipazione così massiccia ci gratifica e ci stimola a continuare anche per il futuro. Le persone hanno apprezzato i prodotti made in Valtellina e la qualità che contraddistingue la “Gusta e vai”». «C’erano tanti visitatori di fuori provincia, ma anche affezionati valtellinesi che ogni anno prendono parte alla camminata eno-gastronomica».spiega Valentina Maestroni dell’ufficio turistico -


© RIPRODUZIONE RISERVATA