Inzirillo, il diario Covid   è diventato libro

Inzirillo, il diario Covid

è diventato libro

Dall’interno Pubblicati in un volume i racconti della pandemia del dottor Inzirillo raccolti giorno per giorno

iorno

Alla fine non ha resistito e il suo #Covidiario è diventato un libro. Pubblicato da Ctl editore Livorno, in 148 pagine, racchiude la sua esperienza col Covid, quello della prima ondata, la più impattante, da tutti i punti di vista, anche emotivamente. Un’esperienza forte vissuta al Morelli, l’ospedale Covid della nostra provincia.

Che Francesco Inzirillo, 46 anni, di Palermo, in provincia di Sondrio, a Montagna in Valtellina, dal 1° agosto 2009, sposato, una figlia, chirurgo toracico in Asst Valtellina e Alto Lario, ha saputo interpretare e, soprattutto, trasferire con semplicità alla popolazione, ai suoi follower, attraverso semplici post su Facebook e video “tutorial” su You Tube.

Una versione social del Covid, a portata di tutti, fatta di pillole quotidiane, che, assunte regolarmente, hanno permesso alle persone di familiarizzare sempre più col Covid, nel senso di meglio comprenderlo. Per quanto possibile, ovvio, perché lo stesso medico, come tutti, ha imparato giorno dopo giorno a rapportarsi con la malattia. E lo ha fatto, sì, al fianco dei pazienti, ma anche al fianco delle persone rimaste a casa, in buona o in cattiva salute.

«Alla fine mi sono trovato con tutto questo materiale e non ho resistito alla tentazione di rivederlo, ripercorrendo il percorso fatto, al centro Covid di Sondalo, giorno per giorno, attraverso i post - dice Francesco Inzirillo -. Ho cominciato ad ampliarli, ad aggiungere particolari, ma, dapprima, l’ho fatto solo per me stesso. Poi, ad un certo punto, ho pensato che tutto quel materiale poteva anche avere una diffusione diversa, da quella social, ed ho pensato ad un libro».

Ha cominciato a contattare case editrici, Inzirillo, riscuotendo interesse, ma anche dinieghi.

«I più mi dicevano che non era il caso di fare una pubblicazione sul Covid, che, ormai, era cosa passata - assicura -, mentre, purtroppo, poco dopo, è tornata di nuovo alla ribalta... Credo non si fosse affatto capito, ancora, allora, l’impatto del virus. Fino a quando, una casa editrice di Livorno, Ctl, mi ha contattato mostrandosi entusiasta, e mi ha fatto molto piacere. Insieme abbiamo fatto le correzioni, pensato alla copertina, e ne è uscito questo piccolo libro, pronto per la diffusione, e acquistabile sul sito della casa editrice (www.ctleditorelivorno.it), oltre che su altri canali on line. Ho intenzione di chiedere anche alle librerie di Sondrio, se ne possono tenere alcune copie, in vendita».

Il libro è corredato da una ventina di foto in bianco e nero, il libro, e la struttura è quella del diario, quindi, organizzato in giornate, però, con anche degli inserti particolari, a tema.

«Per me, nel suo piccolo - assicura Inzirillo - si tratta di una grande soddisfazione. Sono felice di aver potuto dare alle stampe questo materiale, e di aver contribuito a far conoscere, al pubblico, di aver portato all’esterno delle mura ospedaliere, il Covid».

Molto bello anche il video di Francesco Inzirillo - peraltro uno dei tanti realizzati dal medico dall’inizio della pandemia - dal titolo “I suoni del Covid”, pubblicato su You Tube, e realizzato nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale Morelli di Sondalo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA