Insieme per vincere  Venti letti elettrici  donati all’ospedale
Il momento della consegna dei letti donati da Insieme per vincere

Insieme per vincere

Venti letti elettrici

donati all’ospedale

Sondalo Asst: «Grandissimo gesto di generosità»

Sono stati consegnati ieri mattina al presidio ospedaliero di Sondalo i venti letti elettrici donati dall’associazione “Insieme per vincere”.

Da anni l’associazione raccoglie donazioni per sostenere lo sforzo degli operatori sanitari che curano i malati, uno sforzo che si è intensificato soprattutto nell’ultimo anno con lo scoppio della pandemia legata alla diffusione del Covid-19.

Una generosità senza confini, come è stata definita dai vertici dell’Asst, con manifestazioni diverse ma tutte ammirevoli e numerose donazioni a favore di pazienti e personale. L’ultima in ordine cronologico ieri mattina con la donazione di venti letti elettrici issati in diretta al secondo e al quarto piano del primo padiglione dell’ospedale Morelli per essere assegnati ai reparti Covid-19.

Presenti il direttore amministrativo di presidio Renato Paroli, il direttore sanitario Giuseppina Ardemagni e il dirigente delle professioni sanitarie infermieristiche Tonino Trinca Colonel che hanno accolto i rappresentanti dell’associazione al quarto piano del primo padiglione, nell’area antistante l’ingresso del reparto Covid-19, per un incontro con medici e infermieri.

Grande sorpresa

«Per noi oggi è una giornata importante - ha esordito il direttore sanitario Ardemagni rivolgendosi ai rappresentanti dell’associazione e portando i saluti e i ringraziamenti del direttore generale Tommaso Saporito -: sono favorevolmente stupita della vostra capacità di raccogliere contributi, ma anche aiuto da tante persone».

Un dono utilissimo.

«I letti elettrici sono fondamentali -ha aggiunto infatti Ardemagni -perché migliorano il comfort e la sicurezza dei pazienti e aiutano chi li assiste: il vostro è un grande dono che merita il nostro ringraziamento».

«Noi vogliamo ringraziare le persone che con grande cuore hanno donato - ha detto Patrizia Gurini a nome dell’associazione -: abbiamo portato avanti progetti importanti con l’Asst Valtellina e Alto Lario e continueremo a farlo. Grazie agli operatori sanitari e un saluto ai pazienti ai quali va tutto il nostro affetto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA