Insieme al fianco di chi soffre  Tre progetti con la Croce Rossa
Maurizio Solieri con Vasco Rossi sul palco: sarà presente al polo fieristico di Morbegno

Insieme al fianco di chi soffre

Tre progetti con la Croce Rossa

Coinvolte la fondazione contro la fibrosi e il gruppo “È ora di vivere”

Tra le iniziative anche un concerto con Solieri, il chitarrista di Vasco Rossi

Suoneranno sulle “Note solidali “ domenica 23 novembre alle 21,30 al polo fieristico di Morbegno in una serata dedicata a Vasco Rossi, la Vascombriccola e Maurizio Solieri. Musica che fa rima con solidarietà alla struttura fieristica che ospiterà un appuntamento dal titolo “Note solidali” per sostenere tre progetti benefici lanciati dal comitato di Morbegno della Croce Rossa italiana, dalla fondazione Ricerca fibrosiCistica onlus e dal gruppo “È ora di vivere”. Gli artisti si esibiranno in un “Vasco show” con un ospite speciale: Maurizio Solieri, storico chitarrista di Vasco Rossi. È aperta la prevendita dei biglietti a 15 euro più un euro di prevendita al consorzio turistico di Tirano, al consorzio turistico di Sondrio di Chiavenna e al consorzio turistico Valtellina di Morbegno. Chi lo desidera potrà godersi la musica a stomaco pieno con menù tipico a 12 euro. Per prenotare la cena basta chiamare la Croce Rossa di Morbegno al telefono 0342 612 450 dal lunedì al venerdì dalle 14 alle 17. Durante la serata sarà sempre aperto il servizio bar e la Pro Loco di Dazio preparerà le castagne braschèe. Il ricavato dell’evento sarà diviso per le tre realtà organizzatrici.

La Croce Rossa Comitato di Morbegno è punto di riferimento sul territorio per le numerose richieste di soccorso, assistenza sanitaria e sociale. Ed è sociale l’obiettivo della raccolta fondi “Dallo spreco all’aiuto, in rete” che punta a creare nuove sinergie e azioni per il contrasto alla povertà alimentare e lo spreco di derrate alimentari negli ambiti territoriali di Sondrio e Morbegno. Il secondo progetto è stato adottato dal gruppo di sostegno della fondazione Ricerca fibrosi cistica che si è impegnata a finanziare parzialmente, per 35mila euro, l’iniziativa “Breath” per donare un’opportunità di respiro in più ai pazienti affetti da fibrosi cistica. Sono già stati raccolti 28mila euro, ma ogni aiuto dona una speranza e un respiro in più. É per Greta Braendle la terza parte del ricavato della serata. La diciannovenne è affetta da fibrosi cistica e ha intrapreso una nuova terapia con un farmaco sperimentale al momento non mutuabile, con un costo mensile di 25mila euro. La famiglia con “E’ ora di vivere” vuole garantire a Greta la possibilità di poterne usufruire fin da subito ed è per questo che ad aprile ha iniziato una raccolta fondi.


© RIPRODUZIONE RISERVATA