In settanta di corsa all’alba per sostenere i Prati di Regoledo
I prodi corridori mattutini alla partenza davanti al Dolce Forno

In settanta di corsa all’alba per sostenere i Prati di Regoledo

Morbegno, la formula ormai rodata della Kikiriki run, proposta dal Team Valtellina, si è svolta anche ieri

Hanno corso per loro, per i 35 ospiti, uomini e donne che frequentano tutti i giorni il Centro per l’inclusione sociale della disabilità i Prati, Cosio Valtellino, per aiutarli ad avere attrezzature e strumenti che semplifichino loro la vita, gli spostamenti, le incombenze quotidiane.

Con spirito solidale e pronti alle levatacce oltre 70 runner si sono trovati ieri mattina alle 5,45 a Morbegno in via San Rocco davanti al Dolce Forno, per una edizione settembrina della Kikiriki run, la corsa-training più mattiniera del cartellone podistico. Ci si trova prima delle 6, poi ci si allena a passo tranquillo in previsione delle gare maggiori, si aderisce e si paga una quota di iscrizione, si consuma caffè e cappuccino, si aiuta una realtà sociale che opera in favore degli altri.

Il Team Valtellina, associazione podistica della Bassa Valle ha preparato e lanciato la manifestazione. «Anche questa volta - ha spiegato Giovanni Tacchini, runner e portacolori del gruppo - la Kikiriki ha avuto una buona partecipazione. La formula è ormai rodata e la gente ci conosce, questa è forse la settima edizione di questo nostro ritrovo all’alba. Questa volta siamo a fianco a I Prati, il centro di Regoledo, tutte le nostre gare di questo periodo servono per acquistare attrezzature per i loro utenti».

Soddisfazione e riconoscenza alla comunità regoledese che accoglie persone diversamente abili. «Iniziativa encomiabile - ha affermato da I Prati l’operatore Emilio Ciapponi - il Team Valtellina e altri sponsor sono con noi per fare avere al centro attrezzi da cucina “facilitati”, pc con schermi tattili. Ma anche deambulatori, una carrozzella, dotazioni che aiutano l’autonomia individuale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA