In Patagonia impresa targata Cai Valfuva  Tre aspiranti guide in cima al Fitz Roy
Federico Secchi, Federico Martinelli e Michele Colturi felici del traguardo con i gagliardetti del Cai Valfurva

In Patagonia impresa targata Cai Valfuva

Tre aspiranti guide in cima al Fitz Roy

Federico Secchi, Federico Martinelli e Michele Colturi sono arrivati in vetta ieri. Il presidente Bertolina: «Tutto il mondo alpinistico dell’Alta Valle si è complimentato con loro».

Buone notizie dalla Patagonia. A pochi giorni dalla loro partenza dall’Italia, gli alpinisti dell’Alta Valle, “portacolori” del Cai Valfurva, hanno salito con successo la supercanaletta del Fitz Roy in Patagonia. Si tratta di Federico Secchi, Federico Martinelli e Michele Colturi, tutti aspiranti guide alpine del Bormiese. La notizia della loro scalata spettacolare, ieri, ha fatto il giro del comprensorio e suscitato molto commenti di ammirazione. Su tutti quelli del Cai Valfurva e del suo presidente Luciano Bertolina: il gagliardetto del club, infatti, è stato immortalato a quota 3.405 metri assieme ai tre scalatori. Anche grazie a loro, i festeggiamenti per i quarant’anni del sodalizio della Valfurva, che vanta oltre cinquecento soci, sono ancora più emozionanti e suggestivi.

E se domenica scorsa, all’oratorio di San Nicolò, prima del taglio della torta augurale sono stati premiati con la spilla d’oro i soci del club da oltre venticinque anni e sono state ricordate le imprese di uno dei soci più conosciuti del sodalizio - il cacciatore di ottomila e guida alpina della Valfurva Marco Confortola, presente alla serata -, quest’ennesima e rilevante impresa di tre giovani atleti che sono stati avvicinati alla montagna dal Cai, ha riempito tutti di immenso orgoglio. «I complimenti per l’impresa - ha commentato il presidente Bertolina - sono giunti da tutto il mondo alpinistico dell’Alta Valle».

Da sottolineare che il monte Fitz Roy (noto anche come Cerro Chaltén) è situato in Patagonia, al confine tra l’Argentina e il Cile. Dal lato argentino integra il parco nazionale Los Glaciares, nella provincia di Santa Cruz, e dalla parte cilena, forma parte del parco nazionale Bernardo O’Higgins. Per i tre alpinisti, adesso un po’ di riposo nel piccolo villaggio El Chaltén per poi addentrarsi in nuove avventure alla conquista delle vette più alte. Gli alpinisti valtellinesi non sono di certo nuovi a scalate ed avventure del genere. A fine agosto, per esempio, Federico Martinelli e Federico Secchi, assieme ad altri appassionati del settore, avevano salito lo spigolo est del Chareze Ri North nella valle del Rangtik, zona Zanskar, in India.


© RIPRODUZIONE RISERVATA