In difficoltà con il parapendio  Brutto atterraggio, ma è salvo
Un parapendio in volo: ieri una brutta avventura per un uomo di 51 anni

In difficoltà con il parapendio

Brutto atterraggio, ma è salvo

Allarme La disavventura dovuta probabilmente a una forte corrente d’aria

I soccorsi ieri all’Alpe Palù: l’uomo ha riportato alcune contusioni non gravi

Grande paura nel tardo pomeriggio di ieri per un parapendio precipitato a Chiesa in Valmalenco, ma fortunatamente l’uomo alla guida è riuscito ad effettuare un atterraggio d’emergenza e se l’è cavata con lievi lesioni, traumi alla caviglia e alla schiena.

L’intervento di soccorso è iniziato poco prima delle 18 all’Alpe Palù, nei pressi della pista Baby Bernina nel territorio comunale di Chiesa in Valmalenco.

La mobilitazione

Un uomo di 51 anni residente in provincia di Sondrio è caduto con il parapendio: era partito dalla Cima Motta per un volo sopra le bellezze della Valmalenco; una volta arrivato sopra l’Alpe Palù, a circa 2000 metri di quota, secondo le prime informazioni ha probabilmente incontrato una corrente d’aria che lo ha portato a terra molto velocemente.

La dinamica esatta è ancora in corso di definizione, ma quello che è certo è che l’uomo ha dovuto mettere in atto un vero e proprio atterraggio di fortuna poiché si è trovato improvvisamente in difficoltà, forse proprio a causa di una folata di vento.

Il parapendista, quindi, non è proprio precipitato, ma l’atterraggio ha comunque lasciato il segno perché il 51enne ha riportato diversi traumi, in particolare ad una caviglia e alla schiena.

Ricevuto l’allarme, lanciato proprio dal ferito una volta arrivato a terra, la centrale operativa ha inviato sul posto il i tecnici del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico, stazione di Valmalenco della settima delegazione, i militari del Sagf - Soccorso alpino Guardia di finanza, i carabinieri di Chiesa in Valmalenco e i Vigili del fuoco del Comando provinciale di Sondrio.

L’infortunato è stato quindi imbarellato e trasportato in ospedale a Sondrio in codice giallo con l’elisoccorso di Areu (Agenzia regionale emergenza urgenza) decollato dalla base di Caiolo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA