Imprudenza in montagna?  Da oggi l’elisoccorso si paga

Imprudenza in montagna?

Da oggi l’elisoccorso si paga

Via libera del Pirellone alla nuova legge regionale sul soccorso alpino che prevede una compartecipazione alle spese di soccorso in caso di comportamento imprudente.

«Quando un cittadino mette a rischio sia la propria incolumità che quella delle squadre di soccorso sanitario o tecnico, deve essere consapevole che, nel momento in cui queste situazioni non sfociano in ricoveri ospedalieri o non hanno necessità di accertamenti diagnostici, la compartecipazione alla spesa è dovuta». È quanto ha dichiarato il vicepresidente e assessore alla Salute Mario Mantovani durante la discussione sul progetto di legge «Disposizioni in materia di soccorso alpino e speleologico in zone impervie», approvato dal Consiglio regionale della Lombardia, su proposta del consigliere comasco Francesco Dotti, già sindaco di Argegno.

L’Aula consiliare ha infatti deliberato un «codice di comportamento» per tutti gli interventi che richiedono l’attivazione dell’elicottero del soccorso, recependo il Decreto del Presidente della Repubblica (Atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni per la determinazione del livelli di assistenza sanitaria di emergenza), che prevede che gli oneri degli interventi di elisoccorso siano a carico del cittadino se non sono seguiti da ricovero o da accertamenti presso i Pronto Soccorso. Con una novità, vale a dire il concetto della «partecipazione aggravata», che comporta un aumento del contributo nei casi in cui si riscontri un «comportamento imprudente». In ogni caso non più del 50% del costo complessivo.

In Regione Lombardia le attività di soccorso sanitario sono svolte dalla Azienda regionale emergenza e urgenza, che si avvale delle competenze e del supporto tecnico del Corpo nazionale soccorso alpino e speleologico (Cnsas.). Grazie ad una gestione razionale delle risorse e al significativo contributo offerto dal Terzo Settore - ha proseguito Mantovani - in Regione Lombardia i costi del servizio di emergenza sanitaria territoriale sono tra i più bassi rispetto ad altri Regioni d’Italia o ad altri Paesi europei. Abbiamo comunque il dovere di utilizzare nel modo più appropriato ed equo possibile un così rilevante investimento umano, economico e tecnologico».

La Giunta Regionale, dall’entrata in vigore della legge, dovrà definire un piano tariffario dei servizi di soccorso, prevedendo una riduzione delle tariffe (del 30 per cento) a favore dei residenti in Lombardia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA