Imprenditore con la passione dei rally  L’ultimo saluto a Giulio Oberti
Giulio Oberti sul palco della Coppa Valtellina di rally, tra i figli Simone e Luca

Imprenditore con la passione dei rally

L’ultimo saluto a Giulio Oberti

Un malore improvviso non gli ha lasciato scampo, domenica scorsa la sua ultima gara

Commosso ricordo del fratello Paolo: «Scherzava con tutti». È stata rinviata la prova del palio

Tirano e mondo del rally in lutto per la scomparsa, dovuta ad un improvviso malore, di Giulio Oberti, 58enne tiranese, figlio dello storico sindaco Aldo, fratello di Paolo Obertipresidente dell’Us Tiranese, operativo con il fratello nella Oberti srl ed apprezzato navigatore nei rally, già campione europeo nel settore auto storiche. Parla di lui con grande commozione il fratello Paolo.

«Siamo rimasti soli da piccoli, quando papà è venuto a mancare e siamo sempre stati insieme con una mamma speciale, che ci ha fatto anche da padre - racconta il fratello Paolo -. Siamo sempre andati d’accordo, ci compensavamo. Lui sapeva che io c’ero e io sapevo che c’era lui, come dovrebbe essere sempre tra fratelli». Giulio si occupava del commercio di cereali che era l’attività storica, insieme al trasporto, iniziata dai nonni e poi dai genitori.. Una vita trascorsa fra il lavoro, i figli e il suo hobby che «era tutto per lui», come conferma il fratello. Alla fine degli anni Settanta ha iniziato le prime gare di rally, domenica scorsa aveva partecipato al Rally 1000 di Brescia e sabato prossimo, sarebbe andato al Rally Aci Lecco. «Credo che non ci sia nessuno ad aver fatto tante gare come lui – dichiara Paolo -. Nel 2014 ha vinto il campionato europeo delle auto storiche. Che dire di lui? Era una persona scherzosa con tutti, un uomo tranquillo».

Il funerale sarà celebrato giovedì 1 giugno alle 14,30 nella chiesa san Martino.


© RIPRODUZIONE RISERVATA