Il presepe vivente incanta la folla

Il presepe vivente incanta la folla

Tanti, tantissimi alla Sassella per assistere alla rappresentazione della Natività.

Con il presepe vivente la Sassella ha vissuto momenti indimenticabili. Già la frazione di per sé appare come un presepe; allestite poi varie nicchie lungo la salita che dalla “parete di roccia” arriva alla chiesa, addobbati da pastori, mestieranti, centurioni romani, angioletti, un centinaio di figuranti sotto una splendida luna e un’altrettanto splendida risposta dei visitatori, “Sassella Noël” è andata in scena.

Tutto si sussegue in ordine cronologico, l’annunciazione, il dubbio di Giuseppe, la risposta al censimento, l’arrivo alla capanna, la nascita di Gesù, i pastori, i Re Magi e, a differenza di 2018 anni fa, tanti telefonini a immortalare l’avvenimento.

Un avvenimento che ha un “responsabile”: Patrizia Benini. «Per me è stata una serata stupenda: stupenda per la luna, per le tante persone che mi sembrano felici e contente, perché è il risultato di due mesi di fatiche, ma gioiose e di grande coordinamento tra tutti, volontari, associazioni, Comune, sacerdoti e chi più ne ha, più ne metta».

La conferma dall’assessore Francesca Canovi: «Costumi bellissimi, confezionati da persone di Sondrio e coi ringraziamenti non si finirebbe più. Evento importante per la nostra città perché così si è valorizzato quello stare insieme che ha avuto notevole riscontro nelle quattro rappresentazioni proposte del presepe vivente».


Leggi l’approfondimento sull’Edizione de La Provincia di Sondrio in edicola il 24 dicembre

© RIPRODUZIONE RISERVATA