Il passo Forcola non riapre, e per il tunnel nuove tariffe
Muri di neve sulla strada chiusa

Il passo Forcola non riapre, e per il tunnel nuove tariffe

Anche il secondo sopralluogo effettuato dalla Polizia Locale di Livigno ieri mattina ha dato esito negativo, troppo alto il rischio di distacco valanghe per riaprire la strada senza mettere a rischio l’incolumità degli automobilisti che sarebbero transitati.

Niente da fare: la Forcola non riapre, anzi resterà chiusa definitivamente fino alla prossima primavera.

« Abbiamo effettuato il sopralluogo alle 6, ma non siamo riusciti neppure ad arrivare in cima al passo dalla neve che c’era- dichiara il comandante della Polizia Locale di Livigno, Cristoforo Franzini -. Inevitabile in queste condizioni chiudere definitivamente».

Il passo era stato chiuso mercoledì mattina e venerdì aveva dato un responso anche il primo sopralluogo per la riapertura. Livigno resterà raggiungibile esclusivamente dal passo del Foscagno e dal passo del Gallo attraverso il tunnel del Mont la Schera.

La società Ekw che lo gestisce ha reso note le tariffe dal 28 di novembre al 30 aprile. Il transito andata e ritorno il sabato costerà 37 euro, mentre sarà di 32 euro negli altri giorni.

Il sabato resta il giorno di punta del traffico con arrivi e partenze dei turisti stranieri per Livigno e da sabato 6 dicembre entreranno in vigore gli orati di transito per consentire un traffico snello con l’introduzione del senso unico che consentirà di viaggiare dalle 5 alle 9 del mattino esclusivamente in direzione Svizzera e dalle 11 alle 18 in senso contrario. Negli altre fasce il traffico invece procederà in entrambi i sensi. Gli alberghi della zona sono così tenuti a incoraggiare i clienti a rispettare le fasce orarie in modo da non creare lunghe code davanti ai due ingressi della galleria.


© RIPRODUZIONE RISERVATA