Il “Montanaro imbruttito” diverte tutti  Anche sul web
E la mucca diventa portiere durante la partita

Il “Montanaro imbruttito” diverte tutti

Anche sul web

Valfurva, l’idea nata da tre amici. Su facebook ci sono più di 155mila like. E il promo del torneo “fa il botto”.

Con i suoi oltre 155mila like, il “Montanaro imbruttito” - la irriverente pagina facebook che bonariamente deride i tic della gente di montagna - conta un popolo di followers quasi pari a quello dell’intera provincia di Sondrio. Ogni filmato o fotografia pubblicati ha, grazie al tam tam della rete, una incredibile visibilità: basta vedere il numero di visualizzazioni (sfiora le 80mila) che ha raggiunto in un paio di settimane il promo dell’alpine football, il torneo di calcio in costa che si terrà domenica prossima a Santa Caterina.

Ben pochi sanno tuttavia che alla regia del “Montanaro imbruttito” ci sono tre ventenni dell’Alta valle, ovviamente con la passione per la rete e una buona dose di ironia. Amici dalla scuola superiore (tutti e tre hanno frequentato il Leibniz) Matteo Andreola, che oggi lavora come fabbro, Federico Dei Cas e Davide Cardoni, studenti universitari, hanno iniziato a postare per scherzo due anni fa e sono i primi a sorprendersi di tanto successo.

«Volevamo imitare il “Milanese imbruttito” e, per goliardia, abbiamo iniziato a pubblicare qualche immagine che prendeva in giro vizi e passioni di noi montanari. I like - racconta Matteo Andreola - ci hanno incoraggiato a proseguire. Tuttavia abbiamo capito il potenziale della nostra pagina solo quest’estate quando la Stihl ci ha contattato per presenziare alle finali dei Campionati Stihl Timbersports che si sono svolti a Bormio. Per quell’occasione abbiamo iniziato a produrre i nostri primi gadget, sono magliette e capellini con scritte in tema, che sono andati a ruba tra itaglialegna e il pubblico».

Quest’estate i tre “montanari imbruttiti” insieme alla appena nata “Gioventù furiccia”, di cui fanno parte, hanno anche pensato di trasformare una loro vecchia idea in un evento reale. Si giocherà domenica prossima e sarà l’edizione zero di una lunga serie.

L’idea di lasciare ai milanesi il campo regolamentare e le scarpette con i tacchetti è infatti piaciuta a tantissimi, grazie anche allo spiritoso video girato da Christian Maganetti con mucche in campo nel ruolo di portieri, fette di salame facenti funzione di cartellini rossi e Braulio curativo contro i crampi e gli incidenti, che sono immancabili quando si va all’attacco con gli scarponi chiodati.

«In verità – se la ride Andreola – provate voi a correre con le scarpette regolamentari lungo un prato in costa. Gli scarponi sono molto più sicuri». Sarà da ridere tuttavia domenica veder sfilare le varie formazioni con un look adatto ad andare in montagna.

«La corsa alle iscrizioni è stata immediata. In breve - informa l’amministratore della pagina - abbiamo esaurito il numero massimo di dodici squadre che, per motivi logistici, avevamo posto come tetto massimo e abbiamo purtroppo dovuto respingere altre richieste. Se domenica tutto andrà bene, potremo pensare di ripetere l’anno prossimo, magari allungando la manifestazione su due giornate. Una curiosità: una squadra arriverà sin dalla Toscana». I vincitori porteranno a casa un trofeo (si tratta di un pallone grezzo in legno) realizzato dallo scultore Giovanni Andreola, ma ci saranno premi anche per l’ultima squadra classificata e la più lontana.

E poi tanto divertimento per tutti. Accanto ai tiri al pallone e alle corse su e giù dal campo di calcio (le partite si giocheranno nell’area d’arrivo della pista da sci dei Mondiali dell’85) saranno organizzati infatti una gara a staffetta e giochi a tema per tutta la famiglia.


© RIPRODUZIONE RISERVATA