Il Comune di Sondrio apre una nuova area cani. E ne pensa già un’altra
L’area per i cani al parco Ovest

Il Comune di Sondrio apre una nuova area cani. E ne pensa già un’altra

Il nuovo spazio dedicato ai quattrozampe al parco Ovest grazie a un investimento di 10mila euro. Massera: «Importante tassello di un progetto più ampio».

Al parco Ovest è pronta la nuova area cani, ma sarà solo «il primo passo di un percorso», un’iniziativa inserita in «un ragionamento molto più ampio» sugli spazi verdi della città. L’ha spiegato ieri l’assessore ai Lavori pubblici Andrea Massera, annunciando l’apertura del nuovo spazio dedicato ai quattrozampe, realizzato dal Comune in via Don Lucchinetti con un investimento di circa 10mila euro. Già nei giorni scorsi il sindaco Marco Scaramellini aveva segnalato l’imminente inaugurazione della struttura, ora è arrivata l’ufficialità. E così resta sotto i riflettori il tema dei cani in città, dopo le polemiche sull’ordinanza che vieta ai quattrozampe l’ingresso in alcuni giardini pubblici del centro.

La nuova area al parco Ovest ha una superficie di circa 800 metri quadrati, senza arredi o piante all’interno «per non creare stress agli animali», spiegano dal Comune, ma attrezzata con una fontanella e un “wc dog” vicino all’ingresso, con un cancelletto a chiusura automatica che consentirà di lasciare i cani senza guinzaglio in piena sicurezza.

«È un importante tassello in un percorso pensato dall’amministrazione comunale per migliorare la convivenza con i nostri amici a quattro zampe - spiega Massera in una nota –. Un percorso che non si ferma qui, intendiamo mettere a disposizione un ’altra area cani nella zona est della città, indicativamente tra le vie Lusardi e Grumello, stiamo valutando lo spazio più adatto. Si tratta di interventi che mirano a migliorare la convivenza cittadina con i cani, puntando anche sul decoro e sulla sicurezza per famiglie e bambini». Della necessità di un’area cani al parco Ovest si parlava già da tempo, sottolinea Massera, ricordando come l’intervento sia parte delle linee programmatiche della giunta Scaramellini.

«Il parco Ovest è una zona sempre più frequentata - rimarca l’assessore -, sia da famiglie con bambini, vista anche la vicinanza all’asilo nido la Coccinella e alla scuola dell’infanzia Munari, sia da ragazzi che si ritrovano anche a giocare nel campetto di calcio, sia dai cani e i loro padroni. La convivenza, però, non è sempre semplice. Nel primo anno di mandato manteniamo l’impegno che ci eravamo assunti, ma comunque proseguiamo nel percorso».

Non si tratta infatti di un’iniziativa isolata, ma di «un tassello di un ragionamento molto più ampio sulle aree verdi della nostra città», segnala l’assessore. «Intendiamo, ad esempio, arricchire le aree che l’ordinanza recentemente emessa dal sindaco ha dichiarato vietate ai cani, rendendole veri e propri giardini ornamentali, e valorizzare le aiuole e le aree verdi presenti in città affidandole alle cure di privati, attività o associazioni in cambio di pubblicità e sponsorizzazioni», spiega ancora Massera.

Un progetto in questo senso è già in cantiere: la ditta Stella Green-Pedrazzoli riqualificherà l’aiuola vicino a palazzo Lambertenghi, sopra il posteggio interrato di piazza Garibaldi, riportandola «alla originale funzione di aiuola fiorita di pregio», annuncia l’assessore, e «sono molte le aree che potranno essere “adottate” in città». Neppure il tempo di annunciare la nuova area al parco Ovest che già fra i cinofili c’è chi manifesta qualche perplessità.

A preoccupare è l’assenza di alberi - e quindi di ombra - secondo molti rischia di diventare un problema nelle giornate estive.


© RIPRODUZIONE RISERVATA