Il Comune dalla parte dei disabili  Un piano contro ostacoli e barriere
Il Comune di Casatenovo a fianco delle persone con disabilità

Il Comune dalla parte dei disabili

Un piano contro ostacoli e barriere

CasatenovoSarà mappata la situazione attuale per un elenco delle priorità degli interventi

«Vogliamo dare risposte concrete per migliorare l’integrazione e la qualità della vita»

Un piano generale per togliere gli ostacoli che rendono la vita difficile ai disabili o a chi ha difficoltà a muoversi ed a spostarsi.

Lo ha previsto l’amministrazione comunale che ha dedicato un apposito capitolo di spesa nel bilancio 2019 appena approvato. La giunta ha adottato le linee di indirizzo proposte dalla commissione di studio di rilevanza straordinaria per l’esame delle politiche a favore delle persone con disabilità per stendere il “peba”, piano di eliminazione delle barriere architettoniche.

Supporti informativi

Il “peba” è un documento strategico, previsto dalle norme, per permettere la pianificazione, la programmazione e il controllo degli interventi di eliminazione delle barriere architettoniche. È un strumento che potrà garantire una mappatura della situazione esistente attraverso un censimento delle barriere architettoniche presenti e fornirà un elenco degli interventi e delle priorità da inserire nella programmazione dei lavori pubblici. Dovrà inoltre creare supporti informativi in grado di permettere una facile ed immediata consultazione delle informazioni relative allo stato di fruibilità degli spazi e degli edifici pubblici.

«La nostra amministrazione – spiega Enrica Baio, presidente della commissione - ritiene fondamentale disporre di strumenti concreti che permettano di dare risposte alle esigenze delle persone con disabilità per favorire l’accessibilità degli spazi pubblici e di uso pubblico del patrimonio immobiliare comunale, l’integrazione sociale, la sicurezza, la qualità di vita e la mobilità». È stato costituito un gruppo di lavoro con gli uffici urbanistica, opere pubbliche e politiche sociali e con i membri della commissione «coinvolgendo in un percorso partecipato tutti i settori allo scopo di recepire tutte le esigenze di chi vive in paese»

Le normative regionali

«Con la realizzazione del piano Casatenovo si allinea alla normativa nazionale e regionale, in particolare alla “Convenzione delle Nazioni Unite sui diritti delle persone con disabilità” che attesta il diritto alla mobilità e alla fruizione degli spazi collettivi garantendo l’accessibilità fisica, precondizione necessaria per poter esercitare tutti i diritti legati alla partecipazione a pieno titolo alla vita sociale delle persone con disabilità».


© RIPRODUZIONE RISERVATA