Ieri 4 morti, raddoppia  la terapia intensiva  “Reclutati” medici in pensione

Ieri 4 morti, raddoppia

la terapia intensiva

“Reclutati” medici in pensione

Per Ats + 114 positivi A Sondalo quattro reparti solo Covid e terapia intensiva raddoppia i letti

Il coronavirus continua a mietere vittime, in termini di contagio, ma, purtroppo, anche di morti. Quattro quelli censiti, ieri, nella nostra provincia, da Ats della Montagna, per un totale di 223. Diversamente dai mesi scorsi, quantomeno, possono avere degna sepoltura e un funerale, alla presenza dei parenti, purchè siano rigidamente rispettate le norme anti Covid.

I numeri

Alto, anche ieri, il dato riferito al contagio, che segna, in provincia, un + 114, con 104 positivi rilevati sul territorio (2105 in totale), e altri 10, nelle case di riposo e strutture protette (510 in tutto), per un complessivo di 2615 positivi da inizio pandemia. Fermo a 1.414 il totale dei guariti, per cui, ad oggi, gli attualmente positivi sono 978, quanto mai prossimi alla soglia dei 1.000.

Per la precisione, dal 7 ottobre scorso, nella nostra provincia si sono registrati 962 casi, di cui 164 a Livigno, 96 a Sondrio, 50 a Morbegno, 40 a Tirano, 38 a Bormio, 18 a Chiavenna, per citare solo i Comuni capoluoghi di mandamento oltre a Livigno, che presenta una situazione inquietante dal punto di vista della diffusione del contagio. Pari a 14, infine, i decessi intervenuti in questo lasso di tempo.

Intanto l’ospedale Morelli torna ad essere centro Covid per antonomasia, con quattro reparti dedicati alla cura del coronavirus, e il raddoppio, già avviato, della Terapia intensiva. Dagli attuali sette letti si salirà, a breve, a 14, tutti per pazienti Covid. Tant’è che il direttore generale di Asst, Tommaso Saporito, ha disposto la sospensione dell’accettazione, a Sondalo, da giovedì sera, di pazienti con patologie traumatologiche, di natura rianimatoria o che necessitino di interventi chirurgici urgenti. Per loro è stato disposto il trasferimento all’ospedale covid-free di Sondrio.

Passaggi che erano nelle cose, considerato il surplus di lavoro che si sta registrando al Morelli, nei Pronto soccorso, nei Punti di primo intervento e nelle Osservazioni brevi intensive, dal punto di vista degli accessi Covid. Sono 95, ad oggi, i pazienti Covid ospedalizzati, ma altri 15 sono attesi, in quanto ospitati nei reparti Obi di Chiavenna, Sondalo e Sondrio, in attesa di trasferimento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA