I vaccini rallentano  In provincia di Sondrio  sono senza in 25 mila
Il centro hub vaccinale di via Tirano ieri è rimasto chiuso (Foto by gianatti)

I vaccini rallentano

In provincia di Sondrio

sono senza in 25 mila

Il 16,79% non ha ricevuto neanche una dose

In provincia di Sondrio ci sono ancora 25.836 persone che non hanno ricevuto nemmeno la prima dose di vaccino anti Covid, il 16,79% della popolazione target, ossia dei 153.874 cittadini che hanno più di 12 anni d’età e che, quindi, hanno la possibilità di vaccinarsi. Il dato è cristallizzato all’alba di ieri, giornata in cui l’hub in via Tirano a Sondrio è rimasto chiuso.

La campagna vaccinale, com’è normale che sia arrivati a questi livelli di copertura (in Valtellina e Valchiavenna oltre l’83%), ha decisamente rallentato. Lo dicono i numeri: dopo la chiusura dei centri vaccinali della provincia la scorsa settimana, lunedì sono state somministrate in tutto il territorio 184 prime dosi e 498 richiami. Le prenotazioni relative alla prima dose, quindi, sono sempre meno, e probabilmente anche per questo motivo è stato rimodulato il calendario dell’hub del capoluogo valtellinese: dopo l’apertura di lunedì e la chiusura di ieri, oggi sarà aperto al pomeriggio, dalle 14 alle 19, poi stop di due giorni e si riprenderà a vaccinare nel fine settimana, sabato e domenica, tutto il giorno, dalle 8 alle 19.

Attualmente, quindi, sono 128.038 le persone che hanno ricevuto la prima dose, l’83,21% dei vaccinabili; 108.353 coloro che, invece, hanno già completato il ciclo vaccinale, la percentuale è del 70,4%. Numeri importanti quelli che caratterizzano il territorio valtellinese e valchiavennasco, sopra la media regionale.

Ancora meglio di Sondrio fanno poche province: Lecco (85,87% di copertura relativamente alla prima dose), Lodi (83,99%) e Cremona (83,27%). Nonostante percentuali alti, restano ancora più di 25mila persone che non hanno ricevuto nemmeno la prima dose di vaccino.

Per quanto riguarda i Comuni valtellinesi e valchiavennaschi, Pedesina resta saldamente in testa con il 96,67% di copertura ed è il secondo paese in Lombardia (al primo posto Piazzolo, in provincia di Bergamo, dove il 98,65% dei residenti over 12 ha ricevuto la prima dose).

La percentuale più bassa riguarda invece Vervio, dove la copertura è del 74,46%, ma peggio del Comune valtellinese fanno oltre cento paesi lombardi.

Nei centri più grandi la percentuale di copertura è ovunque sopra l’80%: a Sondrio ha ricevuto la prima dose l’82,62% della popolazione target; a Morbegno si è raggiunto l’87%; l’84,14% dei tiranesi ha ricevuto la prima dose; a Chiavenna la copertura è dell’82%; a Bormio dell’83,36%.

Attualmente, e almeno fino al 13 settembre, rimangono attivi tutti i 5 hub vaccinali in provincia di Sondrio (Sondalo, Villa di Tirano, Sondrio, Morbegno e Chiavenna) e nell’eventualità, tutt’altro che remota, che si debba ricorrere anche ad una terza somministrazione, rimarrebbe aperto almeno un centro sul territorio provinciale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA