I ragazzi in piazza:  «Tuteliamo il nostro pianeta»
Tantissimi gli studenti della Valle che ieri sono scesi in strada e nelle piazze per lanciare il loro appello

I ragazzi in piazza:

«Tuteliamo il nostro pianeta»

Centinaia di studenti a Morbegno: «Dobbiamo cambiare lo stile di vita prima che sia tardi» Iniziative anche a Sondrio e a Chiavenna

Sono usciti dai banchi, hanno lasciato le tastiere di cellulari e pc e hanno portato in giro per le piazze e le vie della città i cartelli con gli slogan che chiedono la salvaguardia del pianeta. Nella giornata dello sciopero mondiale contro l’inquinamento, gli studenti della provincia si sono dati appuntamento a Morbegno. Alle 9 erano già in 500 in piazza Sant’Antonio, poi sono stati molti di più a sfilare con un corteo nel centro storico. Lo sciopero per il clima è arrivato anche in Valtellina promosso da “Fridaysforfuture!”, movimento nato in Europa e diffusosi in tutto il mondo grazie alla sedicenne svedese Greta Thunberg , l’attivista che a dicembre ha partecipato alla Conferenza sul cambiamento climatico organizzata dalle Nazioni Unite a Katowice in Polonia, pronunciando un discorso diretto ai leader mondiali sulla grave emergenza climatica.

« L’obiettivo è far sentire la nostra voce a chi sta più in alto di noi, affinché metta in atto le politiche ecologiche per tutelare il pianeta che è di tutti». Le richieste? «Tutelare di più le nostre montagne, garantire a tutti la possibilità di usufruire dei treni per andare a scuola, per spostarsi invece di usare auto o moto, di consumare di meno e meglio e di investire sulle energie rinnovabili, questo deve essere il nostro futuro prima che sia troppo tardi. Dobbiamo cambiare i nostri stili di vita: come ci spostiamo, cosa mangiamo e come compriamo»

Tutte le foto e i particolari nell’edizione della Provincia di Sondrio del 16 marzo


© RIPRODUZIONE RISERVATA