Lunedì 01 Settembre 2014

I medici contro il sistema

informatico: «Funziona male»

Con il sistema informatico preparare ricette e certificati per i medici è più complicato

Del sistema informatico regionale i medici valtellinesi non ne possono veramente più, fra computer che funzionano a singhiozzo, intoppi continui e procedure online che si bloccano a metà dell’opera. Risultato, «ritardi, nervosismo, code in sala d’attesa e continui disagi per i pazienti, ai quali oltretutto dobbiamo spiegare noi cosa sta succedendo, perché l’Asl non ha fatto nulla per informare i cittadini».

A dar voce alla protesta è il medico di base sondriese Marco Tam, referente provinciale del Sindacato dei medici italiani, che a nome di «moltissimi colleghi infuriati» ha deciso di denunciare pubblicamente il malfunzionamento del Siss, il sistema informatico socio-sanitario che negli studi medici viene utilizzato per preparare ricette, certificati e altri documenti.

«Formigoni era meglio di Maroni, quando c’era lui in Regione il Siss almeno funzionava - dice Tam -, adesso invece è completamente in panne, e da mesi, da quando è stata cambiata la gestione del sistema, abbiamo continui intoppi. Noi medici ci siamo sforzati di tamponare il problema, io e un gruppo di colleghi ad esempio abbiamo anche fatto intervenire un tecnico a spese nostre, ma non è bastato, perché il problema è generale». I medici in pratica ogni giorno si ritrovano con il sistema che «funziona a singhiozzo», spiega Tam, e «di ora in ora non sappiamo se si riusciranno a completare le varie procedure oppure no». E questi disagi ricadono direttamente sui pazienti, sottolinea il rappresentante dello Smi, soprattutto per i certificati medici da inviare al datore di lavoro: «Se la procedura informatica non funziona – dice Tam – poi bisogna consegnare tutto a mano, mentre una volta bastava anticipare telefonicamente il numero della pratica».

Sondrio

© riproduzione riservata