Guasti ai passaggi a livello  Due episodi e nuovi ritardi
Ancora disagi sulle linee locali

Guasti ai passaggi a livello

Due episodi e nuovi ritardi

L’allarme è partito ieri all’alba da Dubino. E nel pomeriggio problemi sulla tratta Milano-Tirano.

Dopo una settimana complicata per le ferrovie valtellinesi anche la mattinata di ieri è cominciata nel peggiore dei modi. A causare i disagi, nel rispetto di una tradizione ben consolidata non soltanto nelle ultime settimane, ma più in generale negli scorsi anni, è stato il guasto a un passaggio a livello. Stavolta l’allarme è partito da Dubino, dove nei pressi della stazione ferroviaria si è registrato un problema verso le 6. Il copione è stato del tutto simile a quello osservato nei giorni precedenti sulla tratta Colico-Tirano, ad esempio dopo i guai dovuti a un problema emerso ad Ardenno giovedì. I primi convogli hanno viaggiato con circa venticinque minuti di ritardo, poi si è arrivati fino a quaranta. Il risultato è stato ancora una volta chiaro. Ritardi a scuola e al lavoro, treni e corriere per Milano, Sondrio, Valle Spluga e Val Bregaglia persi e disagi per molti.

Mentre in Valtellina, con una certa fatica, si discute con costanza dell’eliminazione dei passaggi a livello, di passi avanti, sulla Colico-Chiavenna, da questo punto di vista se ne osservano ben pochi. Ma il problema, oltre alla presenza di queste intersezioni fra ferrovia e strade, è rappresentato dal frequente malfunzionamento delle apparecchiature. Nel primo pomeriggio si sono fatte sentire le conseguenze di un altro guasto a un passaggio a livello, in questo caso sulla tratta Milano-Tirano. Le attese di alcuni convogli sono state prolungate e anche il tragitto di alcune corse è stato cambiato a causa dei problemi determinati dai ritardi. Intanto Trenord comunica che la biglietteria di Chiavenna, nelle giornate di lunedì 12 e martedì 13 febbraio, resterà chiusa.


© RIPRODUZIONE RISERVATA