Guardia medica per i turisti, da oggi servizio disponibile
La sede di Sondrio dell’l’Ats della Montagna

Guardia medica per i turisti, da oggi servizio disponibile

Ats della Montagna. In Valle servizio fino al 31 agosto. La scorsa estate sono state erogate 11.734 prestazioni. L’assistenza sarà assicurata da trenta professionisti.

In considerazione della presenza di molti turisti nelle località di Valtellina e Valchiavenna in questi mesi estivi, l’Ats della Montagna istituisce anche per questo 2019 il servizio di Guardia Medica Turistica: quest’ultimo sarà attivo da oggi fino al 31 agosto in provincia, mentre si protrarrà addirittura fino al prossimo 30 settembre a Dongo, Domaso, nel Medio Alto Lario e a Darfo Boario Terme in Valcamonica. Nonostante l’ormai cronica e grave carenza di personale medico su tutto il territorio nazionale, ancor più in una zona decentrata come quella della montagna, l’Ats, tenuto conto dei dati di affluenza turistica e di richiesta sanitaria, sta garantendo, anche per questa stagione estiva, l’attivazione del servizio.

Lo scorso anno dal 7 luglio al 2 settembre 2018 dal Medio Alto Lario alla Valcamonica passando per la provincia di Sondrio 41 medici hanno prestato servizio per ben 6 13 giorni erogando 11.734 prestazioni

Quest’estate una trentina di medici garantirà ogni giorno il servizio su tutto il territorio dell’Ats della Montagna, per un totale di 5.376 ore di Guardia Medica Turistica. Il servizio assicura l’assistenza medica a tutte le persone non residenti come turisti, villeggianti e visitatori occasionali: ci si potrà rivolgere al medico incaricato, quindi, per visite ambulatoriali, a domicilio o per consulti telefonici. La Guardia Medica Turistica ha il compito di prescrivere farmaci, richiedere indagini specialistiche, redigere certificati di malattia e, se necessario, proporre il ricovero.

Come sempre per tutti gli interventi di emergenza e urgenza è attivo tutti i giorni, 24 ore su 24, il numero unico 112. Nei giorni in cui non dovesse essere attiva la Guardia Medica Turistica ci si potrà rivolgere ai Medici di Assistenza Primaria (Medici di Base) o ai Pediatri di Famiglia, previo pagamento della visita definita “occasionale” con tariffe previste dall’Accordo collettivo nazionale per la Medicina generale e la Pediatria. A seguito di presentazione di ricevuta all’Ats di appartenenza (Asl per i cittadini non lombardi) il turista riceverà il rimborso della spesa per la prestazione effettuata.

Il sabato e la domenica così come durante la notte è sempre e comunque attivo il servizio di Continuità Assistenziale (ex Guardia Medica). E’ dunque notevole lo sforzo profuso dall’Ats della Montagna che, grazie anche i sindaci, è riuscita a trovare non solo i professionisti richiesti, ma anche ad allestire gli ambulatori necessari. Vanno segnalati, inoltre, novità e aggiornamenti sul fronte del servizio di continuità assistenziale (ex Guardia Medica): a seguito dell’Accordo Integrativo Regionale 2019 per la Medicina Generale, a partire dal 15 luglio, infatti, a maggior tutela della sicurezza degli operatori, le attività ambulatoriali nelle postazioni del servizio di continuità assistenziale dell’Ats della Montagna saranno garantite nella fascia oraria compresa fra le 20 e le 23.30. Fra le 23.30 e le 8 saranno eseguite solo visite domiciliari con l’attivazione dei consueti numeri telefonici di riferimento.


© RIPRODUZIONE RISERVATA