Gordona, gatto domestico   ucciso a fucilate
La zona dei crotti a Gordona dove è accaduto il grave episodio

Gordona, gatto domestico

ucciso a fucilate

E’ accaduto nella zona dei crotti: «Episodio gravissimo, vicino alle case»

Una barbarie. Non c’è altro termine per definire quanto accaduto durante la giornata di giovedì a Gordona. Hanno ucciso un gatto, sparandogli, probabilmente con una carabina, alla schiena.

Il racconto inorridito è di una residente a Gordona: «Mi reco spesso nella zona dei crotti di Gordona dove fino a pochi anni fa abitavo. Qui ci sono alcuni gatti, non sono randagi e sono sterilizzati, di proprietà di amici e conoscenti. Giovedì uno mancava all’appello. Dopo averlo cercato l’ho trovato agonizzante in una pozza di sangue».

Immediata la corsa dal veterinario, anche se le condizioni del povero animale sono apparse subito disperate: «Il veterinario - spiega la donna - ha effettuato una lastra che ha evidenziato come all’interno del corpo del gatto ci fosse un proiettile che aveva reciso il midollo spinale». A quel punto non c’è stato più niente da fare. Il gatto è stato soppresso ponendo fine alla sua sofferenza, che deve essere stata notevole.

«Credo che sia un atto gravissimo - continua- sia perché si è fatto del male a un animale senza nessun motivo sia perché si è sparato con un’arma da fuoco a pochissima distanza da abitazioni. Purtroppo, non è la prima volta che in quella zona ho dovuto assistere a maltrattamenti ai danni di animali».

In questi giorni scatterà la denuncia ai carabinieri della compagnia di Chiavenna. Accompagnata dalla consegna del proiettile. Si cercherà di risalire, insomma, all’autore del gesto.


© RIPRODUZIONE RISERVATA