Gli over 80 non chiamati?  «Si presentino lo stesso»
Non bisogna più aspettare l’sms o la telefonata, ormai è difficile che arrivi

Gli over 80 non chiamati?

«Si presentino lo stesso»

L’assessore Dal 7 all’11 aprile potranno recarsi in uno dei centri vaccinali

Tentativo di uscire dai guai creati dal sistema informatico della società Aria

Centinaia di over 80, nonostante abbiano mandato la domanda di adesione a metà febbraio, non hanno ancora ricevuto la chiamata o l’sms con l’appuntamento per la vaccinazione.

E giovedì, a sorpresa, dopo mille polemiche, l’assessore regionale al Welfare, Letizia Moratti, ha annunciato testualmente: «Per gli over 80 che non hanno aderito e per coloro che ancora non sono stati chiamati sarà possibile essere vaccinati da martedì 7 a domenica 11 aprile semplicemente recandosi presso il centro vaccinale più vicino, muniti di documento di identità e tessera sanitaria. Se non deambulanti, ci si potrà rivolgere al proprio medico di medicina generale o chiamare il numero verde. Prenderanno in carico la segnalazione e prenoteranno l’appuntamento per la vaccinazione a domicilio».

Grossi guai

Il riferimento è al numero 800.894.545. Insomma, non bisogna più aspettare l’sms o la telefonata, ormai è difficile che arrivi. Si può andare direttamente in uno dei grandi centri vaccinali. Un tentativo, decisamente inusuale, di uscire dai guai creati dal sistema informatico regionale della società Aria, mandato in pensione in favore della nuova piattaforma di Poste Italiane proprio alla luce dei tanti disservizi. Aria comunque continuerà a gestire i richiami per gli ultra ottantenni. Regione Lombardia ieri ha promesso di nuovo di concludere tutte le prime vaccinazioni agli over 80 entro domenica 11 aprile.

E intanto si moltiplicano le storie di chi, aspettando un vaccino che non è mai arrivato, ha perso la vita. La pandemia, purtroppo, è stata più veloce della campagna di profilassi. Nel Comasco, Maria Di Sario, 82 anni, di Cantù, è morta di Covid. Il suo medico di base aveva inviato la richiesta. Ma, come spiegano i familiari, non sono poi arrivate risposte: l’appuntamento per la vaccinazione, per l’anziana, non è mai stato fissato.

Il ricordo

Ora, purtroppo, c’è una persona morta in più. Una delle figlie, Antonella Lo Pinto, ha voluto dedicare alla mamma un ricordo. «Cara mammina, ne hai superate tante e io ce l’ho messa tutta per portarti a casa dal tuo maritino il prima possibile. Voi eravate inseparabili, sempre insieme, ogni passo insieme. Questa volta, mamma, non ci sono riuscita, questo maledetto virus ti ha portata via da noi, erano mesi che aspettavi il vaccino...». Tutto inutile. «Mia mamma - aggiunge a voce la figlia - per un anno non è uscita di casa». Eppure, il Covid in qualche modo è arrivato anche a lei.


© RIPRODUZIONE RISERVATA