Giovedì 15 Maggio 2014

Giovani e sport

Padelli a Lanzada

un idolo assoluto

1I protagonisti della serata all’oratorio di Lanzada2 Daniele Padelli, di Rogolo, portiere del Torino in serie A3 La consegna della maglia al sindaco Negrini4 L’assalto dei giovani che ha caratterizzato la quarta edizione di “Di giovani e di sport”

Coniugare amicizia, scuola e sport si può. Lo hanno assicurato gli atleti protagonisti dell’edizione numero 4 di “Di giovani e di sport”, tenutasi in questi giorni nel salone dell’oratorio di Lanzada, di fronte a una platea forte di 200 ragazzi. Ai quali Daniele Padelli, 28 anni, di Rogolo, portiere del Torino in serie A, Raffaella Rossi, 39 anni, di Lanzada, skyrunner di spicco, Angelo Della Marianna, 50 anni, di Mossini, campione del mondo di pesca alla trota, e Nicola Bagioli, 19 anni, di Lanzada, promessa del ciclismo su strada, hanno saputo trasferire tutta la loro passione per lo sport e, insieme, l’amore per la vita.

«Nostro obiettivo, del resto, - assicura Marco Negrini, sindaco di Lanzada - è proprio quello di far conoscere ai giovani dei modelli positivi di uomini e donne capaci di affermarsi nello sport e, nello stesso tempo, vivere con semplicità e impegno la vita di tutti i giorni. Ed è bello constatare, poi, che questi incontri lasciano il segno: ne è dimostrazione il fatto che sul palco è salito un giovanissimo, Nicola Bagioli, che fino allo scorso anno sedeva fra il pubblico».

Un vero tripudio

È profondamente convinto, il sindaco, al pari del suo vice, Serafino Bardea, e di tutta l’amministrazione comunale, della bontà di iniziative di questo tipo utili a cementare, ancor più, la già notevole vocazione sportiva della Valmalenco.

«Basti dire che la manifestazione è sempre stata realizzata in stretta collaborazione con due associazioni sportive che hanno molto appeal in valle - afferma Negrini - come la Polisportiva Valmalenco e la Sportiva Lanzada e, tra l’altro, gli atleti che si raccontano sono spesso legati a doppio filo al nostro territorio».

Un vero tripudio c’è stato per Daniele Padelli, «di una semplicità e una disponibilità estreme - assicura il sindaco - tant’è che, pur avendo fissato l’allenamento martedì mattina a Torino, si è adeguato alla data che avevamo già stabilito e ha partecipato alla manifestazione lunedì sera, partendo subito dopo».

Simpaticamente, Padelli, prima dell’inizio dell’incontro in oratorio, si è fermato anche al campo sportivo di Vassalini, dove si stavano allenando i “Pulcini” della Polisportiva Valmalenco, che lo hanno preso d’assalto.

Racconti di vita

«Padelli ha anche elogiato la struttura - insiste Negrini - esubito dopo in oratorio si è sottoposto alle domande tanto della conduttrice, Stefania Bonomi, quanto dei ragazzi del pubblico. In particolare, rispetto ai sacrifici sopportati per arrivare al livello raggiunto sul campo, ha evidenziato le difficoltà di collegamento con i terreni di gioco e di allenamento, in quanto vivendo a Rogolo con la famiglia l’impegno relativo agli spostamenti e i costi dei medesimi sono elevati».

Interessanti anche i racconti di vita e di sport di Angelo Della Marianna, campione del mondo di pesca alla trota per il quale proprio il Mallero è considerato, a livello mondiale, un torrente fra i migliori per l’esercizio di questa disciplina, di Raffaella Rossi che si è avviata allo sport solo intorno ai 30 anni, più come sfida personale, per poi arrivare ai vertici della sua specialità, e di Nicola Bagioli che effettua 5 ore di allenamento in bici al giorno per 30mila chilometri l’anno.n

elisabetta del curto

© riproduzione riservata