Giovane dispersa,   ancora un nulla di fatto
Il fiume Adda è stato perlustrato a lungo, ma le ricerche sono senza esito

Giovane dispersa,

ancora un nulla di fatto

Senza esito le ricerche della ragazza trascinata via dalla corrente dell’Adda martedì pomeriggio

Ancora senza esito le ricerche di Hafsa, la ragazza di 16 anni di origini marocchine e residente a Sondrio che martedì pomeriggio, attorno alle 18, è stata letteralmente inghiottita dalle acque del fiume Adda, dove si era immersa forse per rinfrescarsi, nonostante le temperature non fossero particolarmente alte e la calura per nulla asfissiante.

Ieri un’altra giornata di ricerche, ma della giovane nessuna traccia. In serata, con il calar del sole, le ricerche sono state sospese per poi riprendere questa mattina all’alba.

Si inizierà, di nuovo, dall’inizio, dal luogo in cui la ragazza è stata vista l’ultima volta e dove è stata inghiottita dalle acque del fiume, per setacciare poi l’Adda fino allo sbarramento di Ardenno e anche oltre.

La dinamica di quanto accaduto non appare ancora del tutto chiara. La giovane si trovava sulla riva del fiume, all’altezza della confluenza con il torrente Mallero, nell’area del parco Renato Bartesaghi, insieme alla cugina di 19 anni.

Pare che le due ragazze avessero appena attraversato un guado per recarsi sull’altra sponda del corso d’acqua, lo facevano spesso e poi si mettevano di solito a prendere il sole in una sorta di spiaggetta.


© RIPRODUZIONE RISERVATA