Freestyle ski junior, Valmalenco pronta per le gare dei Mondiali
La presentazione dei Mondiali in sala consiliare a Sondrio (Foto by foto gianatti)

Freestyle ski junior, Valmalenco pronta per le gare dei Mondiali

Le competizioni si disputeranno al Palù dal 2 al 6 aprile, precedute dalle finali di Coppa Europa. Vismara: «Vogliamo esserci anche per le Olimpiadi».

Sono state presentate ieri mattina nella sala consiliare del Comune di Sondrio, i Mondiali Fis freestyle ski junior, specialità aerials, moguls, e dual moguls. Sono in programma a Chiesa in Valmalenco da martedì 2 a sabato 6 aprile e saranno preceduti - da sabato 30 marzo a lunedì primo aprile - dalle finali Fis di Coppa Europa, specialità aerials. Oltre al sindaco di Sondrio Marco Scaramellini e all’assessore a turismo, sport e politiche territoriali Michele Diasio - che hanno fatto gli onori di casa -, erano presenti il sindaco di Chiesa Renata Petrella, quello di Lanzada Marco Negrini, il consigliere regionale Simona Pedrazzi, il presidente del Consorzio turistico Sondrio e Valmalenco Giorgio Zini - accompagnato dal direttore Roberto Pinna - il consigliere provinciale Franco Angelini, il direttore della Funivia al Bernina Livio Lenatti e, ovviamente, colui che da vent’anni rende possibile lo svolgimento di competizioni internazionali iridate in Valmalenco, l’avvocato Franco Vismara.

Tocca a Scaramellini aprire il giro degli interventi: «Siamo qui oggi per offrire la sala consiliare in occasione di questo importantissimo evento che si svolgerà sulle montagne di Sondrio, e per esprimere vicinanza alle amministrazioni comunali della Valmalenco e al consorzio». A Scaramellini risponde Petrella, che ringrazia per l’ospitalità: «È il segnale di una buona e neonata collaborazione con l’amministrazione di Sondrio. Lo scenario di questa manifestazione è bellissimo, saranno competizioni sportive votate all’amicizia».

La collaborazione tra le due amministrazioni piace a Vismara: «Sono felice di questo cambiamento di impostazione. In tanti anni non eravamo mai riusciti ad interloquire col comune di Sondrio; ora l’aria è cambiata e ne sono contento, mi auguro possa durare per sempre. Negli ultimi tempi ho constatato un reale interesse per quella che il sindaco Scaramellini ha definito la montagna di Sondrio. Ringrazio Livio Lenatti per il grande lavoro di preparazione delle piste che sono pronte per le gare». Insieme a tanti aspetti positivi, Vismara rimarca però anche quelli negativi.

«Sono molto dispiaciuto quando veniamo scavalcati da Bormio e Livigno - le sue parole -: ogni volta che si prospettano eventi importanti, come sicuramente sarebbe un’Olimpiade, non veniamo presi in considerazione. Sono arrabbiato, non accettiamo più scuse, perché voglio che la Valmalenco faccia la sua parte anche in ambito olimpico, ce lo siamo meritato negli anni con tanto impegno e lavoro. I vent’anni di competizioni di altissimo livello sulle piste del Palù dimostrano che non siamo noi che andiamo a cercare le gare, ma sono gli organizzatori che vengono in Valmalenco perché sanno che possono trovare un ambiente bellissimo e organizzato. Non a caso, al termine delle gare - il 7 aprile - arriverà una delegazione cinese che ci ha contattato per collaborare con Pechino per i Giochi del 2022».


© RIPRODUZIONE RISERVATA