Freddo ovunque e fiocchi in quota: assaggio di inverno
Un’eloquente immagine di Livigno scattata ieri

Freddo ovunque e fiocchi in quota: assaggio di inverno

Termometro in picchiata e pioggia battente. Da Livigno a Madesimo dai 10 ai 30 centimetri di neve. Chi ha potuto, in casa ha acceso stufe e riscaldamento.

Giornata autunnale, con tanto di picchi imbiancati, ieri, in Valtellina e Valchiavenna. Dove non era pioggia era neve. E freddo. Tant’è che in parecchi, anche quelli che, nei giorni passati, erano riusciti a resistere alla tentazione di accendere, seppur per poco, i termosifoni o la stufetta, elettrica o a legna, ebbene, ieri hanno dovuto arrendersi, temprando casa anche solo allo scopo di non cadere vittime di malanni e virus già, invero, abbondantemente circolanti, a base di febbre e disturbi gastro-intestinali.

Basti dire che, ieri, a mezzogiorno, il bollettino meteo on line di Arpa Lombardia, dava una temperatura di 9,2 gradi a Sondrio, poi saliti, intorno alle 13, a 10 gradi. Dai 1700 metri in su, ma anche dai 1500, in alcuni casi, è cominciato a nevicare dalle 7,30 fino alle 12, a seconda delle località.

«Da noi, a Madesimo paese - precisa Marco Garbin, direttore della Skiarea Valchiavenna -, ha nevicato in mattinata, fino alle 10.30, con fiocchi anche in paese dove, però, la neve non è riuscita ad attecchire. Tutto imbiancato, invece, in quota, da Motta in su, con un paesaggio che si presenta, davvero, da favola». Neve in paese, poi, anche a Livigno e a Santa Caterina Valfurva, sui 10-12 centimetri che, ovvio, non riusciranno a mantenersi dato che le temperature sono date in rialzo..

Neve, come detto, anche a Santa Caterina paese, mentre, nel resto dell’Alta Valle e della provincia di Sondrio, i fiocchi si sono fermati alle quote più alte. Qualche difficoltà si è registrata sulle strade in prossimità dei valichi, sorpresi dal maltempo anche alcuni allevatori, in particolare in Val di Togno e a Valdidentro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA