Frecciarossa a Parigi        Alla guida un valtellinese
Gabriele de Paoli di Faedo con il collega Claudio Murada di Albosaggia alla guida di un Frecciarossa

Frecciarossa a Parigi

Alla guida un valtellinese

Gabriele De Paoli, 35 anni di Faedo, era alla guida del primo treno ad alta velocità che sabato ha collegato Milano con Parigi. «Fin da piccolo volevo guidare i treni». E un collega è di Albosaggia

Poco meno di sette ore per raggiungere Parigi da Milano in treno. La nuova offerta proposta da Trenitalia a partire da sabato 18 dicembre parla anche valtellinese. Il primo macchinista a condurre un Frecciarossa 1000 fino al confine con la Francia, alla stazione di Modane, è stato infatti Gabriele De Paoli, trentaseienne originario di Faedo Valtellino.

«Ho avuto il piacere di partecipare alla presentazione della nuova offerta - racconta - assieme al mio tutor Emanuele Tarca, che ha il compito di seguire i macchinisti francesi nella conduzione fino a Parigi. Ma in futuro, con la necessaria formazione, saremo noi macchinisti di Trenitalia a poter condurre i treni fino alla capitale francese, senza scambi di personale».

Quello di sabato non è il primo prestigioso traguardo professionale di De Paoli, che fin da quando era bambino ha coltivato il sogno di condurre treni. Lo ha ricordato anche don Livio De Petri, parroco di Faedo tra il 1995 e il 2005, dopo aver visto un servizio del Tg1 con un’intervista a De Paoli durante la percorrenza di sabato fino a Modane. Il sacerdote, attraverso il suo profilo Facebook, ha raccontato della domanda rivolta al suo chierichetto tanti anni fa per chiedergli cosa avesse voluto fare da grande. «Guiderò i treni», la risposta riportata da don De Petri, per sottolineare come il desiderio si fosse avverato. «Quando una cosa la si vuole davvero - ha concluso - Grande Gabriele De Paoli!».

Dopo il diploma come tecnico professionale delle industrie elettriche, nel 2006 De Paoli ha inviato il proprio curriculum a Trenitalia per partecipare alle selezioni di nuovi macchinisti.

Quindi, in seguito ad un trasferimento temporaneo al dipartimento Passeggeri, nel 2008 è giunta la possibilità di completare il percorso da macchinista. Acquisita la nuova formazione, De Paoli ha chiesto il trasferimento definitivo sui treni passeggeri. Nel febbraio 2009 è giunto l’invito da parte di un istruttore a conseguire la patente per l’alta velocità. La scelta è ricaduta sui primi tre in graduatoria: assieme a De Paoli anche Claudio Murada di Albosaggia ed Emanuele Carcano di Varese.

De Paoli ha come base la stazione di Milano Centrale, da dove il 25 aprile 2015, in occasione del settantesimo anniversario della Liberazione, ha condotto il Frecciarossa 1000 a Roma per il viaggio inaugurale con a bordo il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella.

Oggi percorrere tutte le linee ad alta velocità dove opera il Frecciarossa e con lui - e con Carcano, che nel 2018 è divenuto istruttore - continua a lavorare Murada.


© RIPRODUZIONE RISERVATA