Fondazione Creval e Pro Valtellina investono sulla scuola

Fondazione Creval e Pro Valtellina investono sulla scuola

Molteplici gli obiettivi dei 13 progetti finanziati con 100mila euro sul bando congiunto “Servizi agli studenti” consegnati a palazzo Sertoli.

«Anche quest’anno le domande sono state numerose e variegate, a testimoniare il bisogno di strumenti formativi e creativi degli studenti e momenti di condivisione per i genitori» ha detto Miro Fiordi, presidente della Fondazione Creval. «La tradizionale sinergia con Fondazione Creval - ha proseguito Marco Dell’Acqua, presidente di Pro Valtellina e membro della Commissione centrale di beneficenza di Fondazione Cariplo - si arricchisce ogni anno di esperienza e nuovi ambiti, in cui dare una mano alla comunità».

A consegnare i contributi il direttore della Fondazione Valeria Duico. Per il progetto Coding all’istituto comprensivo di Tirano sono stati assegnati 14mila euro, 10mila sia al comprensivo “Paesi Orobici” di Sondrio che al “Martino Anzi” di Bormio, rispettivamente per “Non solo scuola” e per il progetto “Prendiamoci la mano”. Di 9mila euro il contributo per il comprensivo di Delebio per attività di recupero e potenziamento. Stessa cifra alla Fondazione Albosaggia - ha ritirato il contributo il commissario prefettizio Rosa Massa - per “ExtraScuola: “valore aggiunto” al tempo libero”. Per il progetto “Il pomeriggio è alternativo” il comprensivo di Traona ha ricevuto 8mila euro, tanto quanto l’Itis Mattei per un doposcuola per gli studenti con Dsa. Settemila euro sia per il comprensivo “Paesi Retici” che per “Sondrio Centro”: il primo li investe sul progetto “I care 2.0”, il secondo per la valorizzazione delle eccellenze in ambito logico-matematico.Ultimi quattro contributi all’asilo paritario Elisa Paini Credaro di Montagna, 5mila euro per attività volte a sviluppare competenze musicali, logopediche e psicomotorie. Altrettanti per “Orobie climate lab” del Damiani di Morbegno. Per la sperimentazione didattica dal cartaceo al digitale a cura dell’istituto Fumasoni di Berbenno 4mila euro, tanti quanti quelli per la parrocchia di Berbenno per “Educare alla relazione”.


© RIPRODUZIONE RISERVATA