Fiori, fede e cultura. “La sinfonia di Dio”  trionfa ai Pasquali
I bambini hanno sfilato il giorno di Pasqua con i costumi tipici (Foto by Bormiphoto)

Fiori, fede e cultura. “La sinfonia di Dio”

trionfa ai Pasquali

Bormio, realizzato da Dossiglio ha ottenuto 1172 punti. Sul podio anche le realizzazioni di Buglio e di Maggiore. Il ricordo commosso del “Baffo”, lo storico speaker.

È “La sinfonia di Dio” che, domenica, ha rieccheggiato in tutta la piazza del Kuerc di Bormio. Con 1172 punti complessivi, il Pasquale del Dossiglio, capitanato da Davide Pedrini e Patrik Bertolina, si è portato a casa il primo premio nella classifica generale ma anche il riconoscimento per tradizione e cultura.

Secondo, a quota 1110 punti, “Scriviamo la Risurrezione” del Buglio (capopasquale Samuele Lanfranchi), portantina che si è aggiudicata anche il premio come miglior lavoro artigianale e anche quello per il significato religioso offerto dalla parrocchia di Bormio.

Una scelta difficile quella della giuria che, anche quest’anno, si è trovata di fronte a lavori di ottima fattura, curati nei minimi dettagli, attenti alla tradizione ma con uno slancio verso il quotidiano, opere che ben hanno rappresentato il significato sotteso alla festa della Risurrezione di Cristo. Un’edizione, quella del 2018, che sarà ricordata anche per quell’applauso doveroso e sentito, all’inizio delle premiazioni, in memoria dello storico speaker di questa manifestazione – come di tantissimi altri eventi del comprensorio – Domenico Careddu, in arte “Il Baffo”, da sempre voce inconfondibile dei Pasquali. Il primo premio, stavolta, è toccato proprio a lui: un gruppo di amici, con in testa i “colleghi” speaker Silvio Mevio e Fausto Molinari, ha voluto omaggiarlo nella sua piazza d’eccellenza, quella del Kuerc, consegnando un riconoscimento alla famiglia.

Tornando alla classifica generale, in terza posizione, con 1103 punti, “Ora e sempre” del Maggiore, (capopasquale Gabriele Trabucchi). A seguire, a pari merito a 1091 punti, “Liberi di partire, liberi di restare” del Dossorovina (Daniele Rainolter, Stefano Sotta) e “Talità Kum” del Maggiore (Marjanne Sosio, Jacopo Faifer). Sesta posizione per “Scacco matto” del Buglio (Virginia Sosio, Lorenzo Romani) seguito da “Sfolgora il sole di Pasqua...risuona il cielo di canti” del Dossiglio (Igor Caelli e Simone Compagnoni), “Il mio cammino con Te” del Maggiore (Simone Pedrini e Pietro Salvadori), portantina che si è conquistata anche il premio “solidarietà ed altruismo” offerto dall’Avis sezione di Bormio.

Nona posizione per “Il sì della salvezza” del Combo (Luca Pedranzini ed Elisa Castellazzi) davanti a “Sei libero, vola!” del Maggiore (Marco ed Alice Compagnoni), “Collegati dal tuo filo” del Dossorovina (Sebastiano Compagnoni e Valerio Secchi), pasquale premiato anche da US ACLI Sondrio come miglior lavoro realizzato dai bambini.

A seguire, nella classifica generale, “La chiave del cuore” del Combo, (Marisol Giacomelli Nathan Confortola), “Giochi di vita” del Dossiglio (Samir Ricetti e Samuele Donagrandi) e “Un arcobaleno di emozioni” del Maggiore (Christian Confortola, Daniel Cantoni). Dando uno sguardo alla classifica per reparto, primo posto per il Maggiore – che si era presentato con ben cinque lavori in gara – con 3135 punti seguito dal Dossiglio con 2718, Buglio (2058), Dossorovina (1762) e Combo (1535). Fin qui la cronaca della giornata per la quale un doveroso grazie – da parte di tutti- va all’associazione “I Reparti”, cabina di regia dell’importante manifestazione che, anno dopo anno, riesce comunque a rinnovarsi ed a proporre nuovi spunti di riflessione nel rispetto profondo per le tradizioni e la cultura della Magnifica Terra.


© RIPRODUZIONE RISERVATA