“Fedeltà alla montagna”, Confortola sotto esame
Enrico Confortola

“Fedeltà alla montagna”, Confortola sotto esame

Premio delle penne nere. Consigliere di maggioranza a Valfurva, alpino e allevatore, è tra i tre in lizza per l’ambito riconoscimento.

Un alpino che dà lustro alla montagna, salvaguardandone l’ambiente oltre ad aver continuato a collaborare nel gruppo alpini di appartenenza.

Sono queste le motivazioni che hanno consentito a Enrico Confortola, 42 anni di Uzza, consigliere comunale di maggioranza di Valfurva, alpino e allevatore di essere in lizza per il prestigioso premio “Fedeltà alla montagna” che assegna al vincitore ben 10mila euro, istituito a livello nazionale dalle penne nere. In lizza per l’ambito riconoscimento, oltre a Confortola ci sono anche un alpino-allevatore della Valcamonica e uno abruzzese.

Nella commissione che nel fine settimana sarà in Valfurva e raggiungerà Confortola sulla malga di Salinetta sui Forni, c’è anche il consigliere nazionale degli alpini, il valtellinese Mario Rumo: «Sono una ventina di anni che il premio è istituito e mai finora una valtellinese figurava fra i candidati: questo è già un successo per Confortola. Sabato sera la commissione sarà in Valfurva per visionare l’azienda di Confortola e poi domenica visiteremo la sua malga».

Classe 1976, Enrico Confortola proprio domenica scorsa ha effettuato la transumanza con le sue mucche, un appuntamento che tutti in Valfurva conoscono per la sua spettacolarità. L’anno di naja l’aveva fatto ad Elvas, vicino a Bressanone, in provincia di Bolzano, occupandosi di logistica. Una volta congedato, è uno dei componenti più attivi del gruppo alpini della Valfurva, ora diretto da Amerigo Confortola. In questa estate 2018 gli alpini vivranno due grandi appuntamenti. Domenica 19 agosto sul Gavia ci sarà il raduno di interesse nazionale, mentre il 7 e 8 settembre a Tirano e Lovero si svolgerà la riunione del consiglio nazionale. Grandi avvenimenti che indubbiamente la presenza di Rumo nel consiglio nazionale hanno facilitato. La provincia di Sondrio non era mai stata così alpina come in questa estate nella quale la penna nera sventolerà sul nostro territorio con grande frequenza.

© RIPRODUZIONE RISERVATA