Venerdì 01 Agosto 2014

Famiglie in difficoltà,

ora c’è casa Rampa

L’inaugurazione di Casa Rampa
(Foto by Foto Lisignoli)

Due appartamenti per accogliere famiglie in difficoltà. Martedì a Verceia è stata inaugurata “Casa Rampa”, lo stabile che dopo un lungo periodo di inutilizzo ora è pronto a svolgere un’importante funzione sociale.

Gli spazi, situati sulla statale 36, sono due. Ci sono un monolocale e un bilocale che, in caso di necessità, possono essere uniti per accogliere una famiglia numerosa. Negli ultimi anni il privato sociale è stato chiamato in più occasioni a collaborare con i servizi pubblici per rispondere al bisogno di casa, sia per i problemi dovuti alla crisi, sia per le emergenze legate ai processi migratori che hanno visto coinvolti profughi provenienti dall’Africa. A Silvano Gusmeroli, presidente della Cooperativa Nisida, è toccato il compito di illustrare gli obiettivi di questa struttura, che si inserisce nell’ambito del progetto “La melagrana”, supportato dalla fondazione Cariplo.

«La riposta al bisogno della casa è il primo passo di un percorso finalizzato al ritrovamento dell’autonomia - ha spiegato -. Il progetto prevede anche una forte collaborazione della cittadinanza di Verceia e su questo fronte siamo molto fiduciosi». Il sindaco Flavio Oregioni ha espresso la gratitudine della comunità di Verceia nei confronti della Nisida. «L’obiettivo è la creazione di una rete di solidarietà, anche attraverso il coinvolgimento della popolazione di Verceia, da sempre attiva nell’aiuto delle persone che hanno bisogno di una mano in più». In Valchiavenna c’è anche la residenza integrata “Il deserto”. Complessivamente ci sono cinque alloggi a disposizione di persone in difficoltà.

© riproduzione riservata