«Faccia a faccia con l’orso, che paura»
L’orso M 19 in una recente fotografia scattata in Trentino (Foto by foto Tommaso Borghetti)

«Faccia a faccia con l’orso, che paura»

«Era a qualche metro da me. Ci siamo guardati, quando si è mosso sono scappato»

L’incontro nella valle che sale da Boalzo: «Mi capita di svegliarmi di notte e vedermelo ancora davanti»

«Eravamo a cinque, massimo sei metri di distanza l’uno dall’altro. Io e l’orso. In 79 anni di vita non mi è mai capitato un incontro del genere che, devo ammettere, sto superando pian piano. Mi capita di svegliarmi di notte e vedermi ancora davanti agli occhi l’orso».

Parla Stefano Orgnoni l’anziano di Teglio che, il 13 aprile scorso, ha avvisato l’orso – presumibilmente M19 – che, dai primi giorni di aprile, sta scorrazzando nei territori fra Bianzone e Teglio e facendo razzia di apiari e di una capra.

« Mi trovavo nella valle che da Boalzo sale verso Teglio, più o meno a 750 metri di altezza. Stavo camminando su un sentiero fra le due valli e poi, tutto ad un tratto, mi sono accorto che sopra una roccia a cinque o sei metri da me c’era lui, l’orso».

Tutti i particolari nell’edizione de La Provincia di Sondrio in edicola il 29 aprile


© RIPRODUZIONE RISERVATA