Giovedì 24 Aprile 2014

Fabiano, liutaio per passione

E adesso anche per lavoro

Il liutaio Fabiano Scuffi realizza chitarre elettriche

C’è la mano dell’artigiano che accarezza il legno, ne coglie i profumi e osserva i colori di ogni venatura. Poi lo taglia, lo carteggia, lo lucida e lo dipinge. E c’è la mano del musicista che pizzica le corde con il plettro, suona gli accordi e le scale. Ma soprattutto c’è il cuore di un giovane che, nel momento più difficile dell’economia, crede in un progetto fatto in casa.

O meglio, sotto casa, nel locale che Fabiano Scuffi ha trasformato in un laboratorio di liuteria. Scuffi, chiavennasco di ventinove anni, ha studiato al “Caurga” e dal 2004 lavora in un laboratorio di falegnameria di Gordona.

Dopo avere cambiato il proprio impiego da tempo pieno a part-time in falegnameria, ha aperto un laboratorio di liuteria per produrre chitarre e bassi elettrici.

«So che i tempi sono difficili per l’economia, ma ci voglio provare».

L’articolo integrale sull’edizione de La Provincia di Sondrio in edicola giovedì 24 aprile

CHIAVENNA

© riproduzione riservata