Fa un incidente e simula il furto:   ora è denunciato
Il proprietario dell’auto ha avuto un incidente ma ha simulato un furto

Fa un incidente e simula il furto:

ora è denunciato

I fatti sono avvenuti lo scorso 6 agosto. In quella data l’uomo si era presentato di mattino presto alla caserma dell’arma di Ardenno per denunciare il furto subìto della propria autovettura.

Smascherato dalle forze dell’ordine e denunciato per avere finto un furto della propria automobile con lo scopo di truffare l’assicurazione. È stato denunciato in stato di libertà dai carabinieri della stazione di Ardenno, dopo gli accertamenti e le indagini eseguite nei mesi scorsi, un operaio trentenne di Bergamo, V. E. le sue iniziali, che ora è accusato di “simulazione di reato” e “truffa” a danno dell’assicurazione.

I fatti sono avvenuti lo scorso 6 agosto. In quella data l’uomo si era presentato di mattino presto alla caserma dell’arma di Ardenno per denunciare il furto subìto della propria autovettura, un’Alfa Romeo 147. Quasi contemporaneamente, però, la macchina è stata rinvenuta, incidentata e gravemente danneggiata, in località “Sasso Remenno” nel Comune di Valmasino.

Nell’incidente erano stati danneggiati anche arredi urbani del Comune, tra i quali una colonnina del parchimetro. Secondo la versione fornita dal giovane, che, però, fin dal primo momento, era apparsa poco convincente ai carabinieri, l’incidente sarebbe stato causato da presunti ladri, dopo il furto dell’autovettura. Fra i particolari è stata constata l’effrazione di un finestrino, rotto da un sasso scagliato dall’esterno e rinvenuto poi all’interno dell’abitacolo. A quel punto è scattata l’operazione di indagine degli uomini dell’Arma.

In sostanza il furto non c’è stato e il sasso sarebbe stato lanciato dallo stesso proprietario, dopo l’avvenuto incidente, al fine di simulare il furto, per sottrarsi da ogni responsabilità ed, anzi, ottenere il rimborso dell’assicurazione.

Rimborso che, effettivamente, nel frattempo, è stato elargito per una somma di 3.800 euro, importo di cui ora l’assicurazione potrà chiedere la restituzione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA