Esce per allenarsi e non riesce più a rientrare, recuperato illeso a Bema
L’intervento della squadra del Soccorso alpino

Esce per allenarsi e non riesce più a rientrare, recuperato illeso a Bema

Un ragazzo di 29 anni di Talamona si stava allenando per la corsa in montagna ma a un certo punto, nel tardo pomeriggio, si è ritrovato su un tratto di sentiero molto impervio, a circa 1100 metri di quota.

Si è concluso poche ore fa l’intervento che domenica ha visto impegnati i tecnici della VII Delegazione Valtellina - Valchiavenna del Soccorso alpino nella zona di Bema. Un ragazzo di 29 anni di Talamona si stava allenando per la corsa in montagna ma a un certo punto, nel tardo pomeriggio, si è ritrovato su un tratto di sentiero molto impervio, a circa 1100 metri di quota. Ha avuto però la prontezza di avvisare immediatamente il 112, che ha attivato il Soccorso alpino.

Il ragazzo è riuscito a riferire le coordinate Gps per la localizzazione e, anche grazie a un’ottima conoscenza dei posti, le squadre territoriali, composte da nove tecnici, hanno capito dove si trovava e in poco tempo lo hanno raggiunto. Il giovane era illeso, è stato portato in un luogo più sicuro per il successivo rientro a valle. Molti interventi di soccorso iniziano nel tardo pomeriggio e poco prima del crepuscolo, per le difficoltà a rientrare.

Se l’allertamento, sottolinea il Soccorso alpino, avviene in tempi utili, senza attendere troppo prima che diventi buio, le operazioni possono compiersi in tempi relativamente ridotti, perché la movimentazione dei soccorritori e dei mezzi diventa molto più complessa; inoltre, trascorrere la notte all’addiaccio in alcuni casi può essere rischioso. Ecco perché è opportuno avere l’accortezza di capire quando si è in difficoltà e se necessario si deve contattare subito il numero di emergenza 112.


© RIPRODUZIONE RISERVATA