Elementari, sarà rifatto il piazzale  «Costerà più di centomila euro»
La scuola primaria di Bulciago

Elementari, sarà rifatto il piazzale

«Costerà più di centomila euro»

L’obiettivo del Comune è quello di garantire la sicurezza soprattutto dei bambini . Si spera nei fondi regionali: «Ma se la domanda non avrà buon esito lo faremo da soli»

Dopo aver concluso il rifacimento della rete fognaria della scuola primaria, che è costato 39.500 euro, ora l’amministrazione comunale metterà mano al piazzale di fronte alle elementari, totalmente da risistemare per la sicurezza anzitutto dei bambini: «Costerà più di centomila euro», preannuncia l’assessore ai Lavori pubblici, Antonino Filippone.

Le elementari si riconfermano un pozzo senza fondo, perlopiù sempre a causa di imprevisti: l’ultima variazione d’urgenza, che si era resa necessaria pochi giorni prima a carico del bilancio, era stata di circa 12mila euro, per mettere mano all’impianto elettrico; si aggiungeva, però, ai 40mila che già erano stati impegnati per porre rimedio a un insospettabile problema nell’allacciamento alla fognatura, che fuoriusciva dal seminterrato in prossimità di un tubo del metano: una situazione scoperta durante un cantiere e, probabilmente, irrisolta da anni. Tra i lavori che, tra settembre e adesso, si sono rivelati necessari è rientrata poi l’alimentazione di elettropompe per lo smaltimento degli scarichi e dell’acqua piovana.

Ora, ecco il piazzale, per il quale l’amministrazione aveva in mente un ambizioso progetto, milionario, di riqualificazione dell’intera area intorno alla scuola: nella graduatoria del bando regionale, Bulciago non è stato tuttavia finanziato e spera nell’anno prossimo.

«Se anche la nostra domanda non dovesse andare a buon fine, abbiamo intenzione di procedere ugualmente, contando solo sulle nostre forze: lo faremo a lotti, in un tempo più lungo», informa il sindaco. Per intanto, come se non bastasse, ci si è messo anche l’archivio delle scuole: 40mila euro, per concludere i lavori che erano stati progettati nei mesi scorsi (con la sistemazione del portico); nell’archivio, ad un certo punto l’esecuzione era stata sospesa per il sospetto che ci fosse amianto I campioni prelevati dalla coibentazione dei tubi riscaldamento hanno permesso di escludere la presenza del materiale.


© RIPRODUZIONE RISERVATA