È morto Mondelli,  il campione del mondo  di Cernobbio  Canottaggio in lutto
Filippo Mondelli non aveva ancora compiuto 27 anni

È morto Mondelli,

il campione del mondo

di Cernobbio

Canottaggio in lutto

Dal gennaio del 2020 lottava contro una patologia ossea

Lo sport italiano in lutto: è morto Filippo Mondelli, residente a Cernobbio, campione del mondo di canottaggio nel 2018 nel quattro di coppia. Mondelli, che faceva parte in quota atleti del Consiglio nazionale del Coni ed era un atleta della Canottieri Moltrasio, aveva un osteosarcoma alla gamba sinistra. Avrebbe compiuto 27 anni il prossimo 18 giugno. Da tempo lottava contro questa terribile malattia, diventando un simbolo di tenacia: era stato lui stesso, nel gennaio del 2020, ad annunciare la malattia.

Immediato il cordoglio del mondo dello sport. «Nella sua vita è sempre stato un guerriero - si legge sul sito della Federcanottaggio -. E’ stato un ragazzo che ha lottato, gioito e goduto della vittoria più bella, il titolo mondiale sul quattro di coppia conquistato il 15 settembre 2018 a Plovdiv al termine di una gara perfetta. Uno spettacolo straordinario! Un risultato che doveva essere il preludio di altri traguardi sportivi ancora più importanti. E quindi il 31 agosto 2019 è ancora Filippo, con il suo quattro di coppia, a qualificare la barca per le Olimpiadi e vincere la medaglia di bronzo. Tutto perfetto, tutto andava secondo programmi, ma poi, era il 13 gennaio 2020 e ancora non si percepiva la crisi pandemica, la notizia che Filippo, il «Pippo nazionale», doveva fermarsi per un problema che pareva si potesse risolvere e permettergli di tornare con i suoi compagni di barca, con la sua nazionale olimpica, e con il piglio giusto è iniziato il suo percorso verso l’agognato recupero. Ma oggi ad un anno, tre mesi e sedici giorni dalla scoperta della grave malattia dobbiamo dare la notizia che mai nella vita avremmo voluto dare: Pippo non ce l’ha fatta! Saremo noi, insieme a tutti quelli che hanno apprezzato la sua passione per la vita e per il canottaggio, amato per il ragazzo solare che era, condiviso con lui tutto, supportato ogni volta che ne aveva bisogno, gioito con lui per tutte le belle cose che ci ha regalato, a rimanere in rispettoso silenzio per la grave perdita che ha colpito la sua famiglia e tutta la comunità remiera e sportiva nazionale».


© RIPRODUZIONE RISERVATA