Sabato 26 Luglio 2014

È morto don Alessio

Commosso ricordo

Don Alessio Bellotti

Ha suscitato sconcerto la scomparsa improvvisa, avvenuta la scorsa notte, di don Alessio Bellotti, che negli ultimi anni era collaboratore del parroco di Postalesio, don Giuseppe Raviscioni. Nato il 9 novembre del 1957 a Morbegno, don Bellotti ha passato la sua infanzia e la giovinezza a Sacco, frazione alta di Cosio Valtellino, all’imbocco della Val Gerola.

È stato ordinato prete da monsignor Teresio Ferraroni nel ’89 e per sette anni è stato vicario a Teglio. Successivamente è stato trasferito dalla diocesi ad Andalo, per poi assumere anche la parrocchia di Rogolo e dal 2004 al 2012 si è spostato in Valmasino, a San Martino, per la precisione, dove ha stretto una intensa collaborazione con don Diego Fognini.

La parrocchia di San Martino e i suoi parrocchiani si stringono al dolore della mamma di don Alessio per l’improvvisa scomparsa e gli tributano un commosso ricordo affidato a poche ma toccanti parole. «Un pensiero l’aiuti in questo momento difficile - scrivono -. Quel Dio, in cui don Alessio ha riposto la sua grande fede, lo ha già accolto in Paradiso accanto ai suoi cari che l’hanno preceduto. Da noi tutti le più sentite condoglianze. Don rimarrai sempre nei nostri cuori».

Anche don Amedeo Folladori, parroco di Delebio, lo ha voluto ricordare al termine del funerale di Enrico Molatore, il cercatore di funghi morto martedì vicino al Dosso, che è stato celebrato ieri pomeriggio in Bassa Valle. Le esequie del sacerdote, a cui molti hanno voluto bene, si svolgeranno domani mattina alle 10 nella parrocchiale di Sacco, il paese dove l’amata mamma lo aveva cresciuto.

© riproduzione riservata