Due morti per canyoning: «Il maltempo si poteva prevedere»
I carabinieri nella camera mortuaria di Chiavenna (Foto by Domiziano Lisignoli)

Due morti per canyoning: «Il maltempo si poteva prevedere»

Gli esperti della zona non escludono che il gruppo, venerdì pomeriggio, sia stato sorpreso dai violenti temporali abbattutisi nella vallata alpina.

Sono stati traditi dalla loro passione e sicuramente da una certa dose di imprudenza i due stranieri che sono morti mentre praticavano canyoning in Val Pilotera, una laterale della più conosciuta Val Bodengo, nel territorio comunale di Gordona. Le due vittime sono Hans Peter Althaus, di 48 anni, tedesco, e il 41enne Claus Torbeis, austriaco di nascita, ma residente a Stoccarda (Germania), come gli altri cinque componenti della comitiva che era partita dalla città tedesca per raggiungere l’area situata sui monti della Valchiavenna. Gli esperti della zona non escludono che il gruppo, venerdì pomeriggio, sia stato sorpreso dai violenti temporali abbattutisi nella vallata alpina.

«La cosa si poteva prevedere - afferma Marco Tavasci, gestore di un bar-rifugio di Gordona -. Bastava documentarsi con le previsioni meteo. Il gruppo è stato probabilmente sorpreso dalla forte pioggia che, in poco tempo, ha innalzato il livello dell’acqua dove stavano praticando il canyoning. Il torrente si è trasformato in una trappola che a due di loro non ha lasciato scampo». L’allarme era stato lanciato dal gestore dell’agriturismo «La Campagnola», dove i sette amici stranieri avevano preso alloggio. Subito erano scattate le ricerche degli uomini della VII Delegazione di Valtellina e Valchiavenna del Soccorso Alpino, presto supportati dai Vigili del fuoco di Mese e dai militari del Sagf di Madesimo (Sondrio).

La Procura della Repubblica di Sondrio ha aperto un’inchiesta sul drammatico incidente che avrebbe potuto avere un bilancio ancora più tragico in un punto in cui c’erano anche cartelli in lingua tedesca che mettevano in guardia dei rischi, in caso di improvvise piene. E il gruppo non si è fatto accompagnare da una guida alpina, come sarebbe stato invece consigliabile fare.


© RIPRODUZIONE RISERVATA