Droga in stazione a Morbegno: un arresto e una denuncia
La stazione di Morbegno (Foto by Silvio Sandonini)

Droga in stazione a Morbegno: un arresto e una denuncia

Due operazioni di carabinieri e polizia nel giro di poche ore. Entrambi i giovani sono di Colico.

Un giovane arrestato e un altro denunciato, entrambi di Colico, a meno di ventiquattro ore di distanza. Alla stazione di Morbegno si continua a vendere droga. E i controlli di polizia e carabinieri non smettono di produrre risultati.

Il primo, classe ’86, è stato incastrato giovedì scorso dai militari dell’Arma al termine di un servizio di controllo disposto direttamente dal comando provinciale. Alle 22 era appena sceso dal treno proveniente da Milano quando , secondo la versione degli inquirenti, ha dato segni di insofferenza, cercando di svicolare. Per questo è stato fermato, dopo che aveva cercato di spintonare i militari. La perquisizione personale a cui è stato sottoposto ha permesso di trovare 5 grammi di eroina, uno di cocaina e un’altro grammo di hashish.

Nella sua abitazione, poco dopo, sono stati trovati anche 7 grammi di sostanza da taglio, 245 semi di cannabis e due pasticche di psicofarmaci. Tutti gli stupefacenti sono stati sequestrati, mentre l’indagato, su indicazione della Procura, è stato dichiarato in arresto per spaccio di sostanze stupefacenti e resistenza a pubblico ufficiale. La misura a cui è stato sottoposto è quella dei domiciliari nella propria casa di Colico.

Se l’è cavata con una denuncia a piede libero invece il giovane che venerdì sera, sempre alla stazione di Morbegno, è stato fermato dagli agenti della Questura di Sondrio e dai colleghi dei Reparti prevenzione crimine della polizia di Stato nell’ambito dei servizi di controllo del territorio disposti per contrastare i fenomeni della cosiddetta criminalità diffusa.

Il giovane, anche in questo caso di Colico, 19 anni, avrebbe tradito un certo nervosismo. Di qui le verifiche. All’interno del giaccone che indossava c’era un involucro contenente 20 grammi di hashish, subito sequestrato dalla polizia. Adesso il ragazzo deve rispondere dell’accusa di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.


© RIPRODUZIONE RISERVATA