Dopo le multe, i posaceneri per i mozziconi gettati

Dopo le multe, i posaceneri per i mozziconi gettati

Avranno il simbolo del Comune e saranno applicati ai pali già esistenti. Manca solo la mappa precisa di dove saranno disposti , ma a breve i nuovi contenitori stradali saranno collocati nelle vie cittadine.

È in fase di realizzazione l’operazione “stop ai mozziconi” messa in campo dall’amministrazione comunale di Sondrio con il prezioso apporto di un imprenditore sondriese - top secret sul nome, almeno per il momento - che ha pagato di tasca propria la trentina di contenitori che troveranno collocazione in città.

Un’operazione che risponde alle previsioni di legge del decreto entrato in vigore ad inizio febbraio che, oltre ad individuare le sanzioni per coloro che gettano mozziconi e piccoli rifiuti per terra, prevede anche che i Comuni si attrezzino con contenitori ad hoc.

Per decidere la loro collocazione ci sarà un sopralluogo anche con Secam, la società pubblica che si occupa della partita rifiuti e della pulizia delle strade per conto di palazzo Pretorio, che indicherà i luoghi in cui gli addetti ai lavori raccolgono il maggior numero di mozziconi da terra.

E se già ora la legge è chiara e il rispetto per il decoro della propria città dovrebbe guidare il comportamento dei cittadini, dopo non ci saranno più scuse, neanche di tipo “logistico” o di pigrizia. La sanzione per chi getta piccoli rifiuti per terra va da 30 a 150 euro (50 euro secondo la legge sulla depenalizzazione), che raddoppia a 100 euro in caso di prodotti da fumo.


© RIPRODUZIONE RISERVATA