Sabato 10 Agosto 2013

Dopo i sigilli al golf

L’Apt: «Danno per Livigno»

Il Corpo della Forestale mentre esegue a Livigno un sopralluogo ul terreno destinato al golf

Ad una settimana del sequestro del campo pratica di golf di Livigno, restano ancora i sigilli posti dagli uomini del Corpo Forestale dello Stato intorno all’area nella quale stavano lavorando gli operai.

« E i sigilli, complici anche le festività di Ferragosto, resteranno ancora per molto, ovvero il tempo necessario agli uomini della Forestale di completare l’iter burocratico della loro verifica- afferma, amareggiato, il presidente di Apt Livigno, Luca Moretti-. Per noi è un’autentica beffa perché il 12 agosto avevamo in programma l’inaugurazione in grande stile del campo con la presenza di un fuoriclasse come Mattia Manassero che sarebbe stato a Livigno prima di partecipare al torneo di Crans-Montana. Invece è saltato tutto».

E ancora: «Il dispiacere nel vedere inevitabilmente allungarsi i tempi per la realizzazione dell’opera e per aver perso l’occasione di un “lancio” in grande stile è tanta - afferma Moretti- anche perché sono certo che le indagini del Copro Forestale faranno emergere la verità: ovvero che non ci sono assolutamente irregolarità parte nostra e le concessioni che abbiamo in mano rispettano la legge. I movimenti terra che facciano non alterano l’aspetto morfologico della zona, anzi l’area verde la renderà ancora più bella».

© riproduzione riservata