Delebio, scritta razzista  sulla cassetta della posta
La scritta apparsa sulla cassetta della posta

Delebio, scritta razzista
sulla cassetta della posta

«Qui abita un negro» è la frase comparsa nella notte. E il giovane Soufian denuncia la vicenda sul web

Delebio

Uscire di casa per andare a scuola e scoprire che sulla cassetta postale qualcuno ha scritto “Qui abita un negro”. È successo ieri mattina a Soufian Siate, studente delebiese del turistico al Saraceno Romegialli di Morbegno che ha deciso di condividere sui social l’immagine che testimonia l’episodio di razzismo.

«Sono uscito di casa con mio fratello per andare in stazione e alzando lo sguardo ho notato la scritta – racconta – mi sono arrabbiato, ci sono rimasto male, mi sono sentito molto amareggiato. Ci ho pensato per un po’, poi ho deciso di condividere l’immagine sui social perché diversamente mi sarei sentito complice di chi ha fatto questo gesto, che magari sarà anche la “bravata” di un gruppetto isolato, ma con quella scritta e la parola “Dux” scritta sotto mi fa pensare che non si può negare che il razzismo non è una realtà lontana ma è presente anche da noi».

Soufian, nato in Italia, abita a Delebio con i genitori e i nonni di origine marocchina, arrivati in paese trent’anni fa. Ha due fratelli più piccoli, uno in prima superiore e uno alle scuole medie del paese. Il più piccolo è rimasto incredulo di fronte all’accaduto. Nessuno di loro aveva mai subito alcun atto del genere. Con i genitori, stanno valutando di sporgere denuncia ai carabinieri. «Ne ho parlato con la mia insegnante di diritto questa mattina a scuola – dice Soufian, che è tra i promotori dei Friday For Future che lo scorso anno sono stati promossi tra gli studenti degli istituti del Morbegnese – dai miei compagni ho ricevuto tante parole di vicinanza e lo stesso è successo a mio fratello».

«L’eco sui social è stata più grande di quanto avrei immaginato e questo mi fa piacere, perché vuol dire che forse possiamo mettere tra le eccezioni le persone che si sono permesse questo gesto».


© RIPRODUZIONE RISERVATA