Dalle Fondazioni 800mila euro  per la città di Morbegno
Fondazione Mattei e Promor investono su Morbegno

Dalle Fondazioni 800mila euro

per la città di Morbegno

La Mattei e la Promor investono sulla città. Comunicazione congiunta da parte dei due presidenti. «Un forte segnale di ripresa e di sostegno post Covid»

Nuova linfa per la città colpita dal virus: le fondazioni Promor e Mattei investono quasi 800mila euro su Morbegno. Dopo l’annuncio di settimana scorsa da parte del presidente di Promor Alberto Gerosa, ieri è arrivata l’attesa comunicazione congiunta sottoscritta anche dal presidente di Mattei, Gino Ambrosini, che mette nero su bianco l’imponente sforzo economico messo in campo dai due sodalizi che da sempre si spendono per la cittadina del Bitto.

«Le Fondazioni, ciascuna nel proprio ambito di competenza, hanno ritenuto indispensabile inviare alla cittadinanza morbegnese un forte segnale di presenza e di sostegno, in un momento di tanta e tale criticità quale quello che stiamo attraversando» dicono i due portavoce delle fondazioni.

Immancabile per la fondazione Enea Mattei il sostegno degli studenti ospiti delle strutture milanesi, per loro è stata deliberata la definitiva rinuncia ai canoni per un periodo di due mesi, con un impegno di spesa pari ad oltre 100mila euro, convertendo gli importi relativi in contributo a fondo perduto a loro favore; a sostegno della casa di riposo Ambrosetti-Paravicini, si è deliberata la conversione in donazione del prestito obbligazionario originariamente erogato a contributo per l’opera di realizzazione del progetto Casattiva per un importo ad oggi pari a novemila euro; mentre per la Croce rossa morbegnese c’è un contributo di 15mila euro per l’acquisto di nuovo mezzo.

Previsti anche i fondi a sostegno di attività e iniziative scolastiche per 67.500 euro e i contributi a sostegno di attività e iniziative culturali e musicali per 42.500 euro . Quindi è stato deliberato un intervento straordinario in favore del Comune di Morbegno a sostegno dell’insegnamento per l’infanzia nel particolare momento di pandemia, nelle forme che l’ente riterrà più opportune, per complessivi 27mila euro. Anche la fondazione Promor ha previsto la sospensione dei canoni per gli appartamenti milanesi e la relativa rinuncia all’incasso, che è stata limitata al periodo iniziale di 15 giorni, con impegno di spesa pari a circa 25mila euro, «ritenendosi necessario destinare le risorse ulteriori ad iniziative da indirizzare a tutto la cittadinanza morbegnese, conformemente al precetto statutario».

Quindi Promor ha stabilito di muoversi in tre distinte direzioni: il sostegno alle organizzazioni e alle strutture direttamente coinvolte dalla crisi pandemica, il supporto al rilancio dell’immagine della città e l’erogazione di fondi liquidi da destinare alla spesa dei morbegnesi in città. Il primo punto prevede un contributo di 65mila euro alla Cri sezione Morbegno per l’acquisto di una nuova ambulanza e con la conversione in donazione a favore della casa di riposo Ambrosetti-Paravicini del prestito obbligazionario originariamente erogato a contributo per l’opera di realizzazione del progetto Casattiva per un importo ad oggi pari a 45mila euro.


© RIPRODUZIONE RISERVATA