Dal turismo il rilancio della montagna  Già 15 i comuni coinvolti nel progetto
Il progetto della nuova passerella sospesa che si vuole costruire in Valtartano

Dal turismo il rilancio della montagna

Già 15 i comuni coinvolti nel progetto

Stanno collaborando insieme alla Comunità montana al piano sull’attrattività

«Si vogliono valorizzare lo sport e i beni culturali». Un investimento di oltre quattro milioni

Sono una quindicina, sui 25 del mandamento, i Comuni della Bassa Valle che stanno lavorando con la Comunità montana per la definizione di un progetto valido per il piano sull’attrattività della montagna. L’iniziativa vuole mettere in atto interventi strategici per sfruttare il flusso turistico e non far spegnere l’economia della Bassa Valle, puntando sul turismo, in vista dell’imminente apertura della nuova statale 38.

I singoli progetti, a seconda della valenza, potranno essere finanziati a fondo perduto dalla Comunità montana attraverso le risorse messe a disposizione dal Piano che, anche se attualmente in fase di completamento della copertura finanziaria, dovrebbero superare i 4milioni di euro. «Ad oggi abbiamo incontrato e discusso di possibili iniziative con più della metà dei Comuni del mandamento – spiega il presidente, Christian Borromini – sia di montagna sia del fondovalle. Le idee portate fino ad oggi riguardano in alcuni casi il turismo sportivo e in altri la valorizzazione di beni culturali e storici locali.»

Ad avere il primato del Comune che ha già definito progetto definitivo ed esecutivo per la presentazione della propria iniziativa all’ente mandamentale, è Tartano. Il progetto si chiama “Sul Ponte del Cielo per le antiche contrade della Valtartano” ed è articolato su tre diversi interventi che interessano la frazione di Campo dove sarà realizzata la nuova passerella sospesa a fune sul torrente Tartano, la Valcorta con interventi diversificati nelle contrade della Biorca, dei Barbera e della Sciucada e della Vallunga

© RIPRODUZIONE RISERVATA