Dai pizzoccheri ai “Sapori”  Tutto il meglio della Valle

Dai pizzoccheri ai “Sapori”

Tutto il meglio della Valle

Dodici settimane dedicate alla promozione turistica. Non solo cibo: anche arte e trekking

Un’invasione di depliant nella Valle e fuori provincia per annunciare il grande autunno di Teglio: duecentomila fogli informativi per spiegare che la bella stagione non finisce con l’estate. Anzi, potremmo dire che inizia il primo week end di settembre e proseguirà per dodici settimane fino alla fine di novembre con migliaia di visitatori diretti nel paese che ha dato il nome alla Valtellina. Sono queste le prospettive che si stagliano sulle rassegne “Pizzocchero d’oro” e “Sapori d’autunno”. Quest’ultima, peraltro sarà supportata dal Distretto alimentare di qualità della Valtellina.

Si comincia sabato 6 e domenica 7 settembre e per i quattro week-end di settembre con “Il pizzocchero d’oro”, autentico cavallo di battaglia dell’autunno tellino. Il primo week-end inaugurale sarà condiviso con la rievocazione storica “Agnus intra lupo - Il santo della pace tra Guelfi e Ghibellini” che permetterà a turisti e valligiani di gustare le prelibatezze gastronomiche di Teglio in un ambiente festoso vestito a Medioevo.

Ad ottobre ecco i “Sapori d’autunno” con fine settimana dedicati a un tema: dai funghi alla selvaggina, ai profumi, ai sapori dei prodotti che la Valtellina regala nella stagione autunnale. «Lo scopo della manifestazione è quello di valorizzare in modo sempre più capillare Teglio e la Valtellina attraverso l’enogastronomia e la conoscenza del territorio - prosegue Valli - proponendo le ricchezze della cucina in un momento dove il turismo enogastronomico rappresenta un comparto estremamente importante dell’offerta turistica. Le nostre offerte ci hanno permesso di destagionalizzare le proposte turistiche di Teglio permettendo alle attività turistiche, ricettive e commerciali di aumentare sensibilmente il lavoro estivo allungando la stagione turistica in un periodo dove il turismo è radicalmente cambiato, in quanto si privilegiano soggiorni più brevi in più periodi dell’anno».


© RIPRODUZIONE RISERVATA