Da inizio pandemia  diecimila contagi  In casa riposo il 9%
Sondrio coronavirus tamponi screening test rapidi agli studenti delle scuole superiori (Foto by Luca Gianatti)

Da inizio pandemia

diecimila contagi

In casa riposo il 9%

iSuperata una soglia psicologica in provincia

Secondo Ats ieri 47 nuovi positivi e nessuna vittima

Superata la soglia dei 10mila casi Covid, in provincia di Sondrio, da inizio pandemia.

Dal 23 febbraio dello scorso anno, ad oggi, sono 10.051 i positivi al coronavirus censiti dall’Ats della Montagna. Di questi, 9.116 sono riferiti alla popolazione residente e dimorante in provincia, e 935 agli ospiti delle strutture protette, quali case di riposo e residenze sanitarie per disabili. Pari a 47, per Ats della Montagna, ieri, i nuovi positivi, pari a 53 per il bollettino di Regione Lombardia, discrepanza, che, come più volte spiegato, si “assorbe” nel medio-lungo periodo.

Quanto al “grosso” della positività, come più volte rimarcato, si concentra sul Comune capoluogo di provincia, Sondrio, per ovvii motivi, essendo il più popoloso in assoluto (21.500 abitanti), anche se solo durante la seconda ondata pandemica si è registrata una concentrazione massiccia e tale da far aumentare l’incidenza del contagio sul totale della popolazione.

A ieri, con otto casi in più censiti dal report regionale, siamo a 1.252 positivi totali, di cui, 1.025 riferiti alla sola seconda ondata, pari al 5,80% della popolazione, dato leggermente superiore alla media provinciale che è del 5,46%.

Seconda, per numero di casi totali, sempre, Morbegno, tre in più ieri, 673 da inizio pandemia, e 502 nella seconda ondata, il 5,43% della popolazione, e terza, Tirano, tre casi ieri, 562 in totale, di cui 435 nella seconda ondata, il 6,24% della popolazione.


© RIPRODUZIONE RISERVATA