Creare muretti a secco, al via due nuovi corsi per studenti e non solo
I muretti a secco sistemati a Castionetto, nel comune di Chiuro, dai ragazzi del Polo di formazione di Sondrio

Creare muretti a secco, al via due nuovi corsi per studenti e non solo

La Comunità montana con il Pfp ha annunciato la seconda e terza fase del progetto. Saranno coinvolti anche agricoltori e disoccupati.

Da lunedì a venerdì, otto ore al giorno per un totale di 40 ore in una settimana. Tanto dureranno il secondo e terzo step di “Muretti a secco, una tradizione da tramandare” presentato ieri dai vertici della Comunità montana di Sondrio, dal Polo di formazione professionale Valtellina (Pfp), partner di questo progetto che, la primavera scorsa, ha coinvolto in prima battuta gli studenti del corso di operatore edile (ex-muratori) della scuola di via Carlo Besta, ma che quest’autunno si estende a giovani imprenditori agricoli e a disoccupati, a cui sarà data priorità, «oltre che a operatori privati, dipendenti di cooperative agricole e sociali - ha spiegato il presidente della Cm Tiziano Maffezzin i -, volontari di protezione civile» con età compresa tra i 18 e 60 anni, con precedenza ai residenti nei Comuni del mandamento e del Comune di Sondrio.

Il secondo corso teorico-pratico si terrà tra il 18 e il 29 novembre, mentre il terzo ed ultimo tra il 2 e 13 dicembre, ma per iscriversi ad entrambi le domande dovranno essere inoltrate entro mercoledì 6 novembre, compilando il modulo scaricabile online all’indirizzo www.cmsondrio.it.

In “cattedra” esperti del mestiere, di questa arte secolare della costruzione dei muretti a secco. Vale a dire istruttori del Pfp e Antonio Bongiolatti, tecnico, nonché ex docente del Pfp, ora in pensione. «Abbiamo individuato la vigna in cui si farà questa esperienza - ha spiegato Bongiolatti -, è sul territorio di Montagna», mentre per il primo corso in primavera si era intervenuti a Castionetto. «Il vigneto si trova in località Sant’Antonio, nell’area attorno a Castel Grumello, e il muro si presenta sano nella sua parte centrale, mentre ci sono da sistemare e rifare le parti terminali».

Prima dell’uscita sul campo, la prima lezione teorica si terrà nella nuova sede della Cassa Edile Esfe al civico 14 di via Samaden a Sondrio. Indicativamente le lezioni avranno inizio alle 8 e termineranno verso le 17,30 con una pausa pranzo dalle 12 alle 13,30 con il pranzo fornito dal Pfp. La quota di iscrizione è di 50 euro da versare dopo essere stati ammessi (i corsi si terranno con un minimo di dieci e un massimo di venti iscritti).

«Ringraziamo per questa opportunità - ha detto Pietro Ottolino, coordinatore del corso edile del Pfp -, in quanto ci dà la possibilità di esportare la mission della nostra scuola: il fare è il modo migliore per operare al servizio della comunità». «L’auspicio - ha aggiunto Bongiolatti - è che ci siano parecchi iscritti, con tanti giovani, fondamentali per incentivare questa “arte eroica”. Tanti sono i muretti in sofferenza: diventa perciò vitale per il nostro territorio imparare a mantenerli». «Qualora le domande pervenute - ha spiegato Cinzia Leusciatti, responsabile dell’area Agricoltura dell’ente comprensoriale - fossero superiori al numero di posti disponibili sarà data priorità a giovani agricoltori e disoccupati. A chi frequenterà il 75% delle ore sarà rilasciato un attestato di partecipazione».


© RIPRODUZIONE RISERVATA