Mercoledì 15 Ottobre 2014

«Costretta a gettarmi nel dirupo

Mi aveva già aggredita»

Indagini a 360°, che non lasciano nulla di intentato: anche l’analisi dei filmati delle telecamere piazzate sul tragitto compiuto dalla Peugeot station wagon da Milano al lago, passando per la provincia di Bergamo.

Sono state affidate alla Squadra Mobile della Questura di Lecco, con la collaborazione della Polizia stradale del capoluogo, le indagini sull’inquietante episodio che ha avuto epilogo a Vendrogno lunedì nel tardo pomeriggio: ci stiamo riferendo alla vicenda dell’avvocatessa di 40 anni residente a Milano finita in un dirupo con la sua automobile. Quello che era inizialmente parso un “semplice” incidente stradale si è rivelato ben altro,stando ai racconti della protagonista ora sotto la lente d’ingrandimento degli inquirenti: ai primi soccorritori, la donna ha infatti spiegato di essere stata presa in ostaggio da un uomo armato di coltello fin dalla mattina.

Ferita in ufficio

Un uomo che, così ha raccontato la donna, l’aveva già aggredita lo scorso mese di marzo nel suo ufficio: una notizia a cui i media nazionali hanno dato un grande risalto.

© riproduzione riservata