Cosio Valtellino, auto e moto in fiamme  nel garage sotterraneo
Vigili del fuoco subito sul posto per il delicato intervento necessario per domare l’incendio

Cosio Valtellino, auto e moto in fiamme

nel garage sotterraneo

Si pensa a un cortocircuito . Il rogo ha danneggiato pesantemente le fognature. Struttura agibile ma grandi disagi per i residenti.

Fiamme e macchine a fuoco, paura e ore di angoscia nel centro di Cosio Valtellino. La giornata di sabato nel grosso paese della Bassa Valle è stata segnata da un incendio di vaste proporzioni, erano circa le 13,30 quando da un’autorimessa in piazza San Martino a pochi metri dalla chiesa parrocchiale, vicino e in parte sotto alle case di edilizia residenziale di via Torchio e nel cuore antico e più frequentato del borgo è iniziato ad uscire fumo.

La zona è frequentatissima, alcuni passanti allarmati hanno chiamato immediatamente i vigili del fuoco che sono arrivati con quattro mezzi, una forza composita di pronto intervento proveniente dal distaccamento di Morbegno e dal comando provinciale di Sondrio. Sono arrivati i carabinieri, gli agenti della polizia locale. All’interno dell’autorimessa le fiamme originate forse da un cortocircuito che stavano divampando avevano avvolto degli autoveicoli, due auto e un motorino, in un angolo del garage che è per gran parte coperto e in parte interrato bruciavano una Ypsilon 10, un van, uno scooter. A causa del calore provocato dal rogo, gli impianti elettrici e le tubature che portano le acque nere nelle fognature hanno riportato gravi danni, creando gravi disagi ai residenti anche se la struttura resta agibile.

Ci sono stati momenti di tensione e spavento, nel parcheggio c’erano complessivamente una decina di vetture, il rischio di scoppi, di altri roghi era altissimo. E non si escludeva la presenza di persone nel garage avvolto dal fumo. La folla mantenuta prudenzialmente ai margini del drammatico scenario dalle forze dell’ordine ha creato capannelli, i Vigili del fuoco subito operativi hanno dovuto lottare per due ore con l’incendio che solo verso le 15,30 si è potuto dire domato.

Dopo avere spento con l’utilizzo delle autobotti e il getto degli idranti i grandi roghi creatisi dalle combustioni degli autoveicoli, le forze di intervento hanno dovuto entrare all’interno della rimessa per mettere in sicurezza l’area, spegnere gli ultimi focolai. Ad allertare la macchina dei soccorsi un residente di Cosio Valtellino. «Erano forse le 13,30 – ha affermato Arun Bartoccioni, giovane, testimone diretto – ho visto il fumo uscire dalla autorimessa. Questo parcheggio – ha spiegato – non ha un ingresso protetto, è aperto, dall’esterno si udivano scoppi, ho pensato all’incendio e ho pensato subito alla sicurezza dei bambini che normalmente usano lo spiazzo che sovrasta il parcheggio per giocare, che abitano nella palazzina che sorge proprio sopra a dove c’erano le fiamme. Così ho avvisato i vigili del fuoco, credo di essere stato il primo. Ero preoccupato».

Situazione difficile anche nelle valutazioni del comandante provinciale del servizio anticendio: «Due auto e un ciclomotore completamente distrutte dalle fiamme – ha detto– sulle cause stanno indagando gli inquirenti. Noi siamo intervenuti in forze. L’incendio non ha interessato tutto il parcheggio, solo una zona, interna, ora transennata, è stato un intervento impegnativo».


© RIPRODUZIONE RISERVATA